Quantcast

Incidente mortale in FiPiLi, prime ipotesi a 24 ore dall’evento

Fondamentale il racconto del camionista, che dovrà comunque passare al vaglio delle perizie

A distanza di 24 ore dall’incidente in FiPiLi in cui ha perso la vita Aldo Caffagni, 72 anni di Empoli e residente a Pontedera (qui), la ricostruzione della dinamica va delineandosi, pur se con varie questioni ancora da definire.

Determinante è il racconto fatto alla polizia stradale dal camionista, anche lui rimasto ferito anche se ha rifiutato il ricovero e che dovrà essere comunque vagliata dalle varie perizie. L’uomo avrebbe riferito agli inquirenti che la Mercedes guidata da Caffagni, a un certo punto, sarebbe stata fuori controllo (non è escluso il malore) e sarebbe piombata sulla corsia del senso di marcia opposto, proprio davanti al tir che stava procedendo in direzione Pisa.

Il camionista, a quel punto, non avrebbe potuto fare più niente per evitare il tragico impatto, se non provare almeno a frenare il pesante mezzo che, infatti, si è arrestato in posizione quasi perpendicolare alle due corsie.

A contribuire al tragico incidente, potrebbe essere stato anche il fondo stradale bagnato per la pioggia. Un’ipotesi di ricostruzione, questa, che per il momento è un’ipotesi.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.