Una donazione allo Shalom per “riparare” al commento ritenuto offensivo

Il sindaco lo aveva denunciato in seguito a un post sulle sedute rotte in piazza Ferruzza

Una delle sedute in pietra di piazza della Ferruzza a Fucecchio fu trovata spezzata in due parti una mattina di fine maggio. In cerca di qualcuno che avesse visto e ipotizzando un atto vandalico, il sindaco Alessio Spinelli fece un post sui social.

Tra i commenti a quel post, uno è stato ritenuto particolarmente offensivo nei confronti dell’operato dell’amministrazione, tanto che il sindaco ritenne opportuno denunciare l’autore per diffamazione. Una denuncia che, dopo aver avuto un primo colloquio personale con il ragazzo autore del commento, ha deciso di ritirare comprendendo la natura del suo gesto, “dettato dall’impulso di scrivere e dalla non piena consapevolezza di quello che ne poteva derivare”.

Così il ragazzo, per farsi perdonare, ha fatto una donazione in favore del Movimento Shalom. Nel frattempo un’indagine commissionata dal Comune non ha rilevato nessun difetto di fabbrica.

“Sono felice dell’esito di questa spiacevole vicenda – dichiara il sindaco Spinelli -. I social media, oggi più che mai, sono diventati un mezzo molto utile per instaurare un dialogo con i cittadini ma, essendo per loro stessa natura capaci di dare estrema risonanza a quello che vi viene scritto, devono essere utilizzati con molta attenzione. Sono sempre disposto ad accettare suggerimenti, segnalazioni e critiche purché siano costruttive e mosse nel pieno rispetto dell’interlocutore”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.