Anni di rapine in tutta la provincia di Pisa, preso a Ghezzano

Gli obiettivi prediletti erano uffici postali e supermercati, già 3 gli episodi contestati

All’alba di oggi 26 agosto, la polizia di Stato di Pisa ha arrestato un rapinatore seriale che, tra gli anni 2009 e 2012, si era reso responsabile di numerose rapine, commesse in alcuni casi assieme ad altri complici, in vari luoghi della provincia.

Gli obiettivi prediletti, in particolare, erano uffici postali e supermercati dove, solitamente, l’appartenente al gruppo di malviventi colpiva travisato e, a volte, anche armato.
L’uomo, un marocchino di 32 anni, è stato raggiunto dagli uomini della squadra mobile della questura di Pisa mentre si trovava ancora nell’appartamento di residenza a Ghezzano, dove gli agenti gli hanno notificato un ordine di carcerazione per l’espiazione di una condanna definitiva a quattro anni e otto mesi di reclusione, emesso dalla Procura della Repubblica di Pisa, per ben tre episodi di rapina commessi proprio nel corso di quegli anni.

La prima rapina risale a luglio 2009, quando il marocchino aveva consumato un assalto all’ufficio postale di San Frediano a Settimo, travisato con casco integrale da motociclista. In quella circostanza, agendo da solo, era riuscito a portare via con violenza, sottraendolo al cassiere dell’istituto, un sacchetto con 1.800 euro.

L’anno successivo l’uomo, in concorso con il cugino ed un altro complice, ha messo in atto un colpo ad un supermercato della Valdera portando via, anche in quella circostanza, circa 1600 euro. Il terzo episodio, rocambolesco come dinamica, è avvenuto nel 2011 quando, dopo aver portato via con violenza un furgone dell’azienda Tnt al conducente con all’interno ancora dei pacchi da consegnare, ha tentato di scappare assieme al cugino, salvo poi venire bloccati e denunciati dopo una fuga avvenuta sulla Firenze Pisa Livorno.

Tutti questi episodi criminali, a seguito delle attività di indagine svolte, hanno portato prima al rinvio a giudizio e successivamente a tre pronunce di condanna, confermatasi nei vari gradi di giudizio, tradotte alla fine in un cumulo di pene da espiare complessivo di 4 anni e 8 mesi di reclusione. Rimangono pendenti in attesa di condanna definitiva anche altri episodi di rapina e ricettazione, per i quali il marocchino era stato anche in passato arrestato.

Nel frattempo l’uomo, dal 2011 sino ad oggi, si è reso autore di altri reati contro il patrimonio, tra cui una ricettazione commessa nel 2019 su uno scooter Piaggio Beverly, rubato al centro di Pisa, per la quale era stato denunciato ulteriormente dagli uomini della Questura.

L’uomo si trova nella casa circondariale Don Bosco.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.