Calvetti, Lega: “La Toscana ha un ‘deficit infrastrutturale’ incredibile”

"Una Regione che fa dell’export e del turismo i suoi capisaldi economici non può permettersi di isolarsi"

“Le infrastrutture costituiscono una componente fondamentale per la vita e lo sviluppo di qualsiasi comunità ma la Toscana sembra non rendersene conto”. Lo dice Beatrice Calvetti, candidata alla Regione Toscana nel collegio di Pisa con la Lega e consigliere comunale a San Miniato.

La Toscana, per Calvetti, “Ha un ‘deficit infrastrutturale’ incredibile nonostante i proclami e le promesse fatte dalle amministrazioni di centrosinistra che hanno governato la Regione per 50 anni. Si è parlato dell’ammodernamento della FiPiLi e dell’ampliamento fino a Prato, del completamento della Due Mari Grosseto Fano e del Corridoio Tirrenico, ma niente di tutto ciò è stato realizzato tanto che il Governo ha deciso di commissariare le ultime due opere. Non gode di buona salute l’autostrada A1. Gli eterni lavori non conclusi della terza corsia da Barberino verso Firenze Sud vanificano i benefici dell’apertura della Variante di Valico; inefficienza che si ripercuote gravemente sulla A11 nel tratto Prato-Pistoia, dove da tempo si sente parlare di terza corsia, ma è solo un miraggio.

Se le infrastrutture su strada non si presentano bene, quelle su ferro non se la passano meglio. Il 40% delle linee ferroviarie toscane sono ancora a binario unico e il 37% non elettrificato. Vogliamo chiedere ai maremmani cosa ne pensano dell’alta velocità? Potranno utilizzare i Frecciarossa ma con gli stessi tempi di percorrenza dei precedenti treni e ‘ovviamente’ a costi maggiorati.

Una vicenda spinosa è anche quella dell’affidamento – tramite bando di gara – a una multinazionale francese del servizio di trasporto pubblico locale della intera Toscana. La Magistratura sta indagando sulla vicenda e sul presidente della regione Enrico Rossi per turbativa d’asta. Con l’imminente apertura delle scuole i mezzi pubblici dovrebbero essere più efficienti e potenziati, ma la giunta regionale toscana sembra più impegnata nel far valere le proprie ragioni sulla questione del bando di gara che non dedicare le giuste attenzioni per la sicurezza dei nostri ragazzi.

Sul progetto dell’ampliamento dell’aeroporto di Firenze potremo parlare per ore: è incomprensibile il motivo per cui il centrosinistra insista su un tipo di progetto di ampliamento che è stato bocciato dalle competenti Autorità giudiziarie. Progetto che è stato anche oggetto di infrazione da parte dell’Unione Europea causa una ‘distorsione volontaria’ delle corrette procedure di Valutazione di Impatto Ambientale. Si parla di sviluppo integrato degli aeroporti di Pisa e Firenze, ma che fine ha fatto il comodissimo collegamento ferroviario veloce con l’aeroporto di Pisa un tempo esistente ma incredibilmente scomparso alcuni anni fa?

Una Regione che fa dell’export e del turismo i suoi capisaldi economici non può permettersi di isolarsi dal resto d’Europa e del Mondo. E’ arrivato il momento di uscire da quell’immobilismo ideologico e antistorico a cui ci ha abituato il centrosinistra toscano sempre più distante dalle esigenze e dagli interessi dei cittadini”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.