Castelfranco di Sotto, ucciso a coltellate trovato in strada sull’argine del fiume

Un uomo di 40-45 anni è stato trovato già cadavere da alcuni passanti che facevano jogging. Indagano i carabinieri

Grave fatto di sangue dai contorni ancora tutti da chiarire oggi (27 settembre) a Castelfranco di Sotto. Un uomo dell’apparente età di 40-45 anni è stato trovato morto a bordo strada, colpito da diverse ferite di arma da taglio o da punta, probabilmente un cacciavite o un punteruolo, questo almeno secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri intervenuti sul posto e del medico legale. Alcuni dei colpi, quelli mortali, sarebbero stati inferti alla gola.

Il corpo dell’uomo, vestito con un pantalone di tuta nero e una maglia grigia, è stato segnalato questa mattina intorno alle 11 in via dei Tavi da alcuni passanti che erano a fare jogging sull’argine dell’Arno. Sul posto i sanitari del 118, inviati dalla centrale unica, che non hanno potuto far altro che constatare il decesso e segnalare la dinamica sospetta ai carabinieri.

Sul posto sono arrivati i militari della compagnia di San Miniato che hanno iniziato le indagini per identificare il cadavere, che non aveva addosso documenti e per rintracciare il o i responsabili dell’omicidio e per capirne i motivi. Al momento non è possibile escludere nulla: dalla vendetta privata a una rapina finita male, anche se non sono stati trovati sul corpo effetti di valore e nulla fa pensare che li portasse con sé. Si cerca anche l’arma del delitto, che non è stata trovata nelle vicinanze del corpo ferito a morte. Altra cosa che dovrà essere chiarita è se l’omicidio è avvenuto sul posto o se è solo il luogo in cui l’assassino o l’aggressore si è disfatto del cadavere.

Tutte domande al momento aperte e che potranno ricevere una prima risposta dall’autopsia disposta dalla magistratura.

Il magistrato di turno alla procura di Pisa, il dottor Fabio Pelosi, arrivato sul posto, ha disposto tutti gli esami necessari sul cadavere per capire l’esatta dinamica dell’evento e permettere di avere tutti gli elementi utili per la caccia all’omicida. In particolare sarà importante capire il tipo di arma utilizzata nell’aggressione, se un’arma impropria, che farebbe pensare a un gesto non premeditato, o un coltello.

Il fatto, secondo le prime ricostruzioni del medico legale, si sarebbe comunque verificato nelle prime ore della giornata di oggi, al massimo nella nottata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.