Multe non pagate, scattano le ingiunzioni

Rifiuti, abbruciamenti e pulizie terreni: c’è anche chi ha preso due sanzioni lo stesso giorno

Sembra difficile a credersi, ma è capitato: due verbali di fila lo stesso giorno e per motivi molto simili. È capitato a Santa Maria a Monte, alle Cinque Case, la località vicino San Donato dove la polizia municipale ha multato la stessa persona per aver lasciato che i suoi cani scappassero in strada, creando un pericolo a persone e automobilisti.

I verbali risalgono al 2018, al 18 gennaio per la precisione: il primo riguarda due cani trovati vaganti per cui è stato necessario chiamare le associazioni competenti al recupero. Per non aver custodito correttamente gli animali era stata elevata una multa da 130 euro. Lo stesso giorno, sorprendentemente, una seconda multa, indirizzata alla stessa persone, ancora per un cane vagante. Ma non è tutto: questa volta la polizia municipale ha appurato anche la mancanza di microchip nell’animale per cui la somma da pagare era di 220 euro.

Queste due, come le altre, sono sanzioni che non sono state pagate, per cui sono scattate le ingiunzioni di pagamento. E a parte la perseveranza di chi è riuscito a prenderne due in un giorno solo i motivi possono essere anche molto differenti. C’è chi, per esempio, nel dicembre del 2018 è stato beccato a bruciare cataste di legna in strada, alle Pianore, una zona di campagna, fuori dall’orario consentito: uno sgarro che è costato 190 euro a due persone.

Poi ci sono le violazioni tristemente più gettonate: quelle per l’abbandono di rifiuti. Tra questi c’è chi ha abbandonato dei sacchi neri davanti alla campana del vetro a San Donato, chi ha messo una pianta nel cestino nel giorno sbagliato per la raccolta differenziata e chi ha abbandonato dei rifiuti davanti all’ingresso di un’azienda. In tutti questi casi gli autori sono stati individuati grazie ai documenti e alle carte nei sacchetti che portavano il loro nome. L’ammontare delle sanzioni in questo caso è di 160 euro.

E, infine, le ingiunzioni per le multe di mancata pulizia dei terreni. Quei terreni di privati lasciati all’incuria che causano problemi legati alle condizioni igieniche e di sicurezza per il proliferare di insetti e animali, ma che, in alcuni casi, possono anche ostruire il passaggio sulla pubblica strada se la vegetazione è troppo folta. Per questo motivo sono state emesse tre ingiunzioni di pagamento di verbali da 120 euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.