Scarpe made in Cina vendute come originali, nei guai imprenditrice a Pisa

La Guardia di Finanza ha sequestrato 400 articoli

Nel mirino dei finanzieri della compagnia di Pisa è finita una imprenditrice cinese di 39 anni che da tempo lavorava nel settore delle calzature nei pressi del centro storico di Pisa.

I militari delle Fiamme Gialle, nell’ambito di controlli sulla vendita di prodotti mendaci o pericolosi per il consumatore, hanno notato che, nell’ultimo periodo, la titolare del punto vendita aveva esposto a prezzi molto bassi alcuni modelli di calzature.

Insospettiti dall’afflusso di turisti e passanti, hanno deciso di approfondire il controllo e all’interno del negozio hanno trovato centinaia di calzature riconducibili agli ultimi modelli in commercio delle note griffe “Adidas” e “Nike” e hanno scoperto che la titolare del punto vendita acquistava i prodotti falsi in Cina, importandoli illegalmente e senza alcuna autorizzazione da parte delle case di moda.

La Guardia di Finanza ha sequestrato 400 articoli, segnalando alla locale Procura della Repubblica la titolare dell’attività commerciale per i reati di frode in commercio, importazione e vendita di prodotti contraffatti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.