Infiltrazioni minacciano un palazzo, sottotetto inagibile per i vigili del fuoco

Il sindaco Capecchi ordina di risanare la struttura e ripristinare le condizioni di sicurezza

Quando i vigili del fuoco del comando di Pisa lo scorso 15 ottobre sono arrivati sul posto, hanno fatto un sopralluogo e dichiarato l’inagibilità. Le infiltrazioni di acqua nel sottotetto dovute alla rotture di alcune tavelle erano troppo evidenti e, se non fossero intervenuti immediatamente, il danno avrebbe rischiato di estendersi anche alla struttura in legno portante dell’edificio. Per questo motivo adesso gli abitanti di un palazzo in via della Pace a San Romano di Montopoli in Valdarno, insieme all’amministratore del condominio, dovranno provvedere a risanare le infiltrazioni nel più breve tempo possibile.

Nessuno per fortuna è rimasto fuori casa, ma se le infiltrazioni dovessero estendersi anche agli appartamenti questa ipotesi non sarebbe da escludere. Nel palazzo ci abitano diversi nuclei familiari per un totale di 14 persone, compresi due minorenni. La situazione, nell’ordinanza del sindaco è descritta, in base al rapporto dei vigili del fuoco, come di “gravità” per le persone che ci abitano e per l’incolumità pubblica.

E così il sindaco ha ordinato di “cessare e far cessare immediatamente l’utilizzazione e l’uso del locale interessato dalle infiltrazioni di acqua” e di provvedere alla verifica delle condizioni della copertura tramite un tecnico specializzato. Il condominio o il suo rappresentante, insomma, dovrà indicare la pianificazione degli interventi per il ripristino e il recupero delle aree danneggiate e dovrà aggiornare le autorità una volta conclusi i lavori, allegando la documentazione necessaria.

Stando ai rilievi, lo stato delle cose andava avanti da tempo, fino a quando qualcuno ha deciso di chiamare i vigili del fuoco per un controllo. Adesso tutte le persone coinvolte, i residenti più l’amministratore del condominio, dovranno farsi carico dei lavori se non vorranno risponderne civilmente e penalmente in caso di inottemperanza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.