Colpo al distributore di cannabis light a Empoli, in manette 41enne a Castelfiorentino

Le immagini di videosorveglianza lo hanno incastrato. In casa ritrovati gli indumenti che l'uomo indossava al momento del furto

Le indagini dei carabinieri di Castelfiorentino, relative a due episodi di furto, hanno portato, ieri, all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Firenze nei confronti di un 41enne originario della Campania.

Da tempo i militari delle stazioni di Empoli e di Castelfiorentino, in stretta collaborazione, visto che sospettavano  della stessa persona, stavano effettuando indagini su due episodi che hanno riguardato un colpo messo a segno in Empoli, il 12 giugno 2020 in danno di un distributore di cannabis light in Piazza Don Minzoni, dove era stato forzato il distributore automatico e sradicato dalla macchinetta il lettore elettronico delle tessere sanitarie e delle banconote, e di un altro avvenuto in Castelfiorentino quando, l’11 maggio scorso, un uomo era stato sorpreso dal proprietario di un furgone a rovistare al suo interno e che, vistosi scoperto, si era dato alla fuga.

Le indagini, attraverso individuazioni fotografiche, testimonianze ed immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza hanno consentito di concentrare le attenzioni sul 41enne nella cui abitazione sono stati rinvenuti indumenti inequivocabilmente a lui riconducibili ed indossati durante il furto commesso in Empoli.

Il 41enne, dopo l’arresto, è stato portato presso il proprio domicilio in regime di arresti domiciliari.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.