Quantcast

Giovane scomparsa, ripartono da Orentano le ricerche di Khrystyna fotogallery

Elicottero e cani molecolari coinvolti nelle ricerche anche domani, insieme a tanti volontari

Unità cinofile, droni, elicotteri, uomini e donne a piedi. Per tutto il giorno, con tutti i mezzi, in terra e in aria, vigili del fuoco, polizia e protezione civile hanno cercato Khrystyna Novak, la 29enne di nazionalità ucraina scomparsa a inizio novembre da Orentano di Castelfranco di Sotto dopo l’arresto del compagno (qui), con il quale conviveva da pochi mesi. La ragazza era stata accompagnata in caserma e sentita rispetto alle indagini della polizia del commissariato di Pontedera, poi rilasciata, in quanto ritenuta estranea ai fatti.

Ricerche della ragazza scomparsa a Orentano, la base operativa

Cosa sia successo dopo è ancora un mistero. Nove giorni dopo, amiche in Italia e la mamma in Ucraina hanno fatto scattare le indagini per la scomparsa: la ragazza non rispondeva più alle chiamate. Dopo 9 giorni, però, è difficile fare più che ipotesi e anche il lavoro dei cani molecolari si complica notevolmente, specie d’autunno e con la pioggia.

Da stamattina martedì 17 novembre, su richiesta della Polizia, i vigili del fuoco hanno coordinato le ricerche della giovane nella speranza di trovare almeno qualche elemento che possa aiutare a capire di più, dopo la mappatura della zona intorno all’abitazione e alle campagne circostanti. Con il calar della sera le operazioni sono state sospese, ma domani sarà un’altra giornata di ricerche, con l’aiuto di altri volontari per battere a tappeto un territorio a tratti molto impervio come è quello delle Cerbaie. Anche per questo, per non lasciare niente al caso e favorito dalla giornata limpida, per tutto il giorno ha volato un elicottero. Dalle indagini coordinate dalla squadra mobile di Pisa e dal vice questore Luigi Fezza a capo del commissariato di Pontedera non sono ancora emerse evidenze che possano suggerire una pista piuttosto che un’altra e nessuna ipotesi può essere al momento esclusa. A partire dall’allontanamento volontario, anche se Khrystyna si sarebbe fatta viva con qualche amica o con la mamma.

Ma tra le molteplici ipotesi c’è anche che la ragazza, tornata a casa dopo perquisizione, arresto del compagno e interrogatorio, sia uscita sconvolta di casa e magari si sia persa o ferita. Da qui le ricerche per chilometri intorno alla casa: dopo aver diviso l’area in settori e aver affidato a ciascuna squadra un settore, i vigili del fuoco hanno attivato le unità cinofile e i droni. Nelle aree più praticabili va avanti la ricerca a pettine, perlustrando ogni metro quadrato di campi, strade e boschi che potrebbero nascondere qualche indizio utile alle indagini. Ricerche difficili, visto che si tratta di una zona di campagna con molte aree incolte, piene di rovi e difficilmente raggiungibili.

L’elicottero dei vigili del fuoco si è alzato per la prima volta stamattina per un censimento dei corsi d’acqua e dei pozzi e ha sorvolato per un raggio di un chilometro la zona. Nel pomeriggio l’area di ricerca è stata allargata a un raggio maggiore, prendendo come epicentro l’abitazione da cui la 29enne si dovrebbe essere allontanata. Nelle ricerche sono state coinvolte decine di associazioni di volontariato arrivate da tutta la Toscana.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.