Clochard morto in strada a Empoli, l’amministrazione conosceva la storia dell’uomo

Il comune: "Attivo da giorni il centro di accoglienza"

E’ morto due giorni fa, domenica 6 dicembre, per strada in centro a Empoli, un 45enne di origine indiana. Chi lo ha visto sdraiato in terra, ha subito chiamato i soccorsi, ma l’intervento del 118, purtroppo, non è servito a niente. Il 45enne era un senza tetto, dormiva sulle panchine di Empoli.  Il pm di turno ha disposto l’autopsia, anche se probabilmente la causa del decesso è da imputare al freddo.

“L’amministrazione comunale di Empoli e la giunta hanno da subito seguito la vicenda – spiegano dal comune -Anche in queste ore l’amministrazione attende di capire gli esiti degli esami autoptici che saranno effettuati all’ospedale fiorentino di Careggi. La vicenda del senza fissa dimora, come di altre persone che vivono ai margini della comunità, era conosciuta e insieme alle forze dell’ordine e alle associazioni di volontariato, per quanto di sua competenza, l’amministrazione la aveva presa in carico. Di fronte alla morte di una persona, per strada, tutti restano fortemente addolorati. Per l’uomo, per la sua famiglia, per chi gli era vicino”.

Anche in questa stagione fredda 2020/2021 è stato aperto il centro di emergenza freddo nell’ex asilo di Casenuove, che incoraggia le persone a non rimanere per strada. Esiste un servizio di unità di strada che porta le persone ogni notte al centro. Ormai sono anni che esiste questo centro con il sostegno dell’Unione dei Comuni prima e della Società della Salute ora. Da quando è aperto quest’anno ha già accolto 10 persone e ci sono ancora posti disponibili.

“Purtroppo  – precisa l’amministrazione comunale in una nota – non sono state accertate ancora le cause della morte di Happy, così si faceva chiamare, ma è comunque doloroso morire così, soli per strada.  Grazie al lavoro dei volontari della Misericordia si è riusciti ad aprire il centro di Casenuove, nella ‘scuolina’ messa a disposizione dal Comune di Empoli, nonostante l’emergenza sanitaria e si sta lavorando per rafforzare la rete della solidarietà, sia dal punto di vista dell’accoglienza che da quello dei bisogni alimentari.  L’impegno dell’amministrazione comunale è quotidiano e volto a costruire sul territorio servizi in aiuto dei più fragili. Queste notizie lasciano vuoto, dolore e amarezza, ma anche la forza per continuare a lavorare, per tutti, a servizio e in soccorso di chi ha più bisogno di essere sostenuto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.