Sequestrato a Prato, il pesce drago è stato trasferito al museo di Calci foto

L'animale era custodito illegalmente

Più informazioni su

Il pesce drago sequestrato a Prato dai Forestali nello scorso mese di novembre è stato trasferito con successo al museo di scienze naturali di Calci dell’Università di Pisa.

La vicenda nasce da alcune segnalazioni ricevute dal nucleo investigativo dei carabinieri forestali di Prato che ha eseguito, ottenendo riscontro positivo, le necessarie attività informative preliminari tese ad accertare la veridicità delle informazioni.

I militari hanno quindi organizzato un controllo multi forze nel luogo dove l’animale veniva detenuto, coinvolgendo i militari specializzati in forza al distaccamento Cites di Firenze – Peretola, la stazione dei Forestali di Prato e, per gli accertamenti di competenza, anche i colleghi del nucleo ispettorato del lavoro.

Al termine del controllo, l’animale è risultato essere effettivamente detenuto illegalmente essendo il proprietario sprovvisto della necessaria documentazione a corredo. I militari hanno quindi  sequestrato il pesce drago, e denunciato il proprietario alla procura della Repubblica di Prato per il reato di detenzione illecita di esemplare di animale tutelato dalla convenzione internazionale di Washington che regolamenta il commercio di esemplari di fauna e di flora a e dei loro derivati.

Trascorso circa un mese, i militari sono tornati sul posto per notificare l’ordinanza di sequestro preventivo al titolare. È stata inoltre eseguita la disposizione dell’autorità giudiziaria pratese che ha previsto il prelievo dell’esemplare di pesce drago già sequestrato per consegnarlo al museo di scienze naturali di Calci dell’Università di Pisa dove costituirà allo stesso momento un’attrazione per i visitatori e un interessante elemento di studio per i ricercatori.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.