Bracconaggio nel Padule di Fucecchio: le guardie del Wwf beccano un cacciatore di fringuelli

L'uomo al momento del controllo aveva con sé un richiamo elettronico-acustico

Bracconaggio e controlli nel padule di Fucecchio da parte delle guardie giurate del Wwf.  I controlli, da circa due mesi, sono stati effettuati tra le province di Pistoia, Firenze e Lucca.

Nella settimana scorsa una pattuglia in servizio nei pressi dell’area protetta Paduletta di Ramone, non lontano dal Porto del Faini, in area contigua del Padule di Fucecchio, richiamata dall’attenzione di un canto continuo di fringuelli (specie migratoria protetta dal 1993), si è diretta verso una zona coltivata a prato, pascolo e olivi. Uditi vari colpi di fucile, è stato individuato un cacciatore nascosto tra gli alberi. L’uomo – un settantenne residente in zona – al momento del controllo aveva con sé un richiamo elettronico-acustico impostato sul canto del fringuello e a terra, uccisi da poco, tredici esemplari di fringuello.

L’uso del richiamo elettronico da parte del cacciatore, come anche la detenzione di specie protetta come il fringuello, costituiscono una violazione penale, per i quali fatti compiuti è stata avvista la competente autorità
giudiziaria.

L’operazione – spiegano dal Wwf – assume particolare importanza perché questo tipo di bracconaggio viene svolto in area di particolare interesse ambientale come quello del Padule di Fucecchio, classificata come zona speciale di conservazione e zona di protezione speciale, ritenuta l’area umida interna più importante del centro Italia.

I richiami acustici elettronici, i così detti registratori, sono apparecchi di libera vendita, ma la legge ne vieta il loro utilizzo nell’ambito dell’attività venatoria, proprio per evitare stragi di piccoli uccelli. Il fringuello è un uccello di piccole dimensioni che misura circa 15 centimetri in lunghezza, apertura alare fino a 28 centimetri e peso di circa 20 grammi. La rotta di migrazione dei fringuelli, invece, è principalmente costiera ma si trova anche nella parti  interne e si concentrano nell’Europa centrale. Da qui, in autunno, migrano verso le coste più calde del continente, attraversando anche la pianura Padana.

Purtroppo l’area del Padule di Fucecchio non è nuova a questi gravi fatti a danno dell’ambiente.

Il Wwf Italia organizza da alcuni anni una campagna di controlli nell’area del Padule di Fucecchio, dove sono presenti oltre 700 appostamenti fissi tutti finalizzati alla caccia verso specie migratorie. Molte le segnalazioni di irregolarità da parte dei cittadini, ma anche di cacciatori soprattutto giovani, sia alle guardie Wwf Italia come anche ai carabinieri forestali e polizie provinciali. Questo aspetto fa ben sperare nelle nuove generazioni per una maggiore sensibilità verso il rispetto dell’ ambiente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.