Cercano il cane rubato, trovano anche armi e droga foto

Oltre a tartarughe detenute illegalmente e attualmente in letargo

Il furto del cane era stato denunciato da un’associazione di protezione degli animali di Empoli alla polizia di Stato. Le indagini dei carabinieri forestale di Empoli con il supporto del Nucleo investigativo di polizia ambientale e agrolimentare di Firenze e della stazione di Ceppeto si sono concluse con la perquisizione, nei comuni di Empoli e di Lastra a Signa locale e personale nei confronti di una cittadina di nazionalità italiana, indagata per il reato di ricettazione.

L’attività ha avuto inizio con le indagini della stazione Forestale di Empoli per accertare il presunto possesso da parte di una donna di un cane cucciolo di “pastore dell’Asia centrale”. Nell’ambito della perquisizione, in un terreno nella disponibilità dell’indagata a Empoli, è stato trovato il cane in questione, che è stato sequestrato e restituito ai legittimi proprietari.

Sempre nell’ambito della perquisizione sono stati scoperti e sequestrati, perché detenuti illegalmente, due fucili (uso caccia), una baionetta da guerra, una katana, tre coltelli e 96 cartucce a palla e munizione spezzata di vari calibri. I militari hanno sequestrato anche 3,54 grammi di marijuana, in base al Testo Unico degli Stupefacenti.

Sono state inoltre trovate tre tartarughe terrestri detenute illegalmente e soggette alla normativa Cites, di cui due Testudo hermanni ed una Testudo marginata, lasciate in custodia alla donna in quanto in stato di letargo. Accertamenti sono ancora in corso per gli aspetti urbanistico edilizi in merito al cambio di destinazione d’uso dei locali adibiti a magazzini agricoli. Per gli ulteriori reati emersi, la donna è stata denunciata alla Procura della Repubblica di Firenze.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.