Un imprenditore di riferimento per l’intero comparto conciario, l’addio a Donati

Viene a mancare un imprenditore di riferimento per l’intero comparto conciario. Negli ultimi mesi Aldo Donati, 74 anni, non è potuto essere presente in azienda e si è affidato sempre più ai suoi più stretti collaboratori, quelli che sono stati al suo fianco per una vita e che continuano e continueranno l’attività tramandola alle prossime generazioni.

Ci sono loro, oggi 24 dicembre, nel giorno della vigilia di Natale, tra i primi a piangere Donati, l’uomo oltre che l’imprenditore lungimirante che aveva contribuito a fare della conceria Ausonia fondata da suo padre Marino, una delle aziende più all’avanguardia del Distretto.

Una grave perdita, questa quindi, per il distretto conciario e per l’intera comunità di Santa Croce sull’Arno, capace di innovare valorizzando la tradizione e salvaguardando l’ecosistema e di rendere l’ambiente di lavoro una grande famiglia. Sotto la direzione di Aldo Donati l’Ausonia era salita alla ribalta della cronaca per avere ospitato nel 2009 la visita, blindatissima, del presidente cinese Hu Jintao, in Italia in occasione del G8: un evento storico, con la conceria Ausonia scelta tra i pochi selezionati siti italiani da visitare.

Forte il suo impegno anche nelle dinamiche associative del distretto che lo ha visto partecipare con interesse alle vicende dell’AssoConciatori e delle società consortili.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.