Quantcast

Spaccano il vetro e rubano nel camper davanti casa: è la seconda volta in tre mesi foto

Il proprietario: "Sono più i danni che il bottino, ho finito di soffrire ora. Servono più controlli"

Ho finito di soffrire ora, portando tutto a riparare”. La visita dei ladri in casa è sempre una pessima esperienza, la cosa non cambia se l’abitazione in questione ha quattro ruote, specie se la cosa avviene per ben due volte in appena tre mesi.

Questo la brutta sorpresa che ha dovuto affrontare in questi giorni una famiglia di Santa Maria a Monte, che ha dovuto fare la conta dei danni dopo che ignoti si sono intrufolati nel camper parcheggiato proprio di fronte a casa. Il fatto è avvenuto nel parchetto con posti auto annessi fra via della Repubblica e via Lungomonte.

“Lo teniamo nel parcheggio pubblico vicino a casa, in un angolo in cui non dà noia a nessuno. Così abbiamo fatto per anni, senza mai avere problemi – racconta uno dei proprietari. – Poi a novembre il primo fatto, bilancio annesso. Entrarono dalla finestra posteriore, spaccandola, e portarono via alcuni vestiti ed il televisore. Un disastro”. Giusto il tempo di riparare i danni, che il fido compagno delle vacanze è finito ancora una volta nel mirino dei ladri. E’ di alcuni giorni fa la seconda irruzione, avvenuta una di queste ultime notti. “Si sono attaccati davvero a poco. Praticamente a tutto – racconta sconsolato il proprietario. – Vestiti, stoviglie, persino alcune forchette, calzini e una bottiglia d’olio”. Nella parte anteriore del mezzo la maggior parte dei danni, con cupolino e radio asportati e danni vari anche all’impianto dell’aria condizionata. I fatti, per la seconda volta, sono stati denunciati ai Carabinieri.

“Sono immensamente più onerosi i danni del bottino. Questo fa rabbia e dispiacere. Fortunatamente siamo assicurati e prenderemo anche provvedimenti – commenta. – Ma, senza fare polemiche, credo che in un momento come questo in cui ragazze e ragazzi non stanno al parco a fare le ore piccole come avviene d’estate, con le strade invece deserte a causa del Covid e del coprifuoco, quel luogo come altri nella frazione ora come ora meriti maggiore attenzione da parte delle forze dell’ordine e della municipale, e magari un’illuminazione migliore”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.