Si inietta uno stupefacente con la siringa e gli viene una crisi epilettica: soccorso dalla polizia

Gli agenti lo hanno trovato in preda alle convulsioni e hanno subito allertato il 118

Riverso a terra si dimenava sbattendo la testa sull’asfalto in una pozza di vomito. In queste condizioni gli agenti della Squadra volante di Pisa ieri, 18 febbraio, hanno trovato un uomo in preda a crisi epilettiche e sono stati i primi suoi soccorritori. L’intervento della volante in zona san Martino è stato decisivo per la persona che poco prima, com’è stato appurato, aveva assunto stupefacenti iniettandoseli con una siringa.

Le forze dell’ordine sono state in grado di soccorrere il 52enne italiano fino all’arrivo del personale sanitario grazie alle nozioni apprese con il corso di primo soccorso: lo hanno posizionato su un fianco per evitare il soffocamento e si sono accertati che non avesse ingoiato la lingua.

Secondo un passante che per primo ha allertato la polizia l’uomo poco prima si era iniettato qualcosa in pancia con una siringa. Soltanto una volta ricevute le cure del caso in ospedale ha ammesso lui stesso che si trattava di sostanza stupefacente e per questo sarà segnalato amministrativamente come assuntore, com’è previsto dal Testo unico antidroga. In ospedale, comunque, ha ripreso coscienza e si trova fuori pericolo di vita.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.