A Santa Croce e al Galleno le due sedi per le vaccinazioni di massa

Al Centro Giovani e alla Casa della Salute i centri operativi della campagna della Regione. Soddisfazioni dei sindaci Deidda e Toti

Al via le vaccinazioni Pfizer, pronte due postazioni per i medici di Santa Croce sull’Arno e Castelfranco di Sotto a Santa Croce sull’Arno e Galleno.

La sede della campagna sarà quella del Centro Giovani di Santa Croce sull’Arno: qui opereranno tutti i medici di Santa Croce e Castelfranco di Sotto, fatta eccezione per quelli di Galleno, Villa Campanile, Orentano e Staffoli che si organizzeranno, per motivi di vicinanza, alla Casa della Salute del Galleno.

“Si parte con la somministrazione dei primi vaccini Pfitzer – spiega il dottor Angelo Scaduto, che guida i medici di base della Aft4, Aggregazione funzionale territoriale di Santa Croce sull’Arno, Castelfranco di Sotto e Galleno – Inizialmente saranno chiamate a vaccinarsi le persone con più di 80 anni. Sarà data la precedenza ai più anziani, purché si possano spostare. Attualmente non possiamo infatti somministrare il vaccino Pfizer a domicilio. È importante tenere presente che i pazienti saranno contattati direttamente dal proprio medico di base, quindi nessuno dovrà presentarsi spontaneamente da nessuna parte”.

Aggiunge Scaduto: “Facendo un semplice calcolo, se in Toscana i 2700 medici di base riescono a vaccinare sei persone in un solo giorno, ogni giorno a livello regionale abbiamo 16200 vaccinazioni. Quando arriverà il vaccino Moderna le dosi giornaliere saliranno a 11. Quindi le vaccinazioni giornaliere raggiungeranno, potenzialmente, quota 30mila. Se ognuno fa la sua parte, si raggiungono numeri importanti di copertura vaccinale. Raccomando a tutti di stare tranquilli e attendere il proprio turno, rispettando nel frattempo tutte le raccomandazioni per prevenire il contagio: mascherine, distanze, lavaggio frequente delle mani”.

Ecco come sarà organizzato lo spazio del Centro Giovani, già reso disponibile dall’amministrazione comunale per i tamponi rapidi e ora nuovamente proposto per le vaccinazioni.  Sarà allestita una sala di accettazione, dove i pazienti in attesa di vaccino dovranno firmare il consenso informato e permettere l’individuazione dell’anamnesi personale. Ci sarà poi una sala con le postazioni per la somministrazione del vaccino e saranno predisposti 20 posti a sedere, dove chi si sarà appena vaccinato dovrà fermarsi per circa 20 minuti. Sarà inoltre attivato un numero di telefono per permettere ai medici di segnalare eventuali reazioni avverse.

Il mercoledì mattina saranno presenti i medici di Santa Croce sull’Arno, a partire dalle 9,30. Il mercoledì pomeriggio sarà il turno dei medici di Castelfranco di Sotto.

“Sono molto contenta – dice la sindaca di Santa Croce, Giulia Deidda – he siamo riusciti a mettere ancora a disposizione questa sede, garantendo non soltanto la disponibilità degli spazi, ma anche la loro sanificazione e la copertura delle spese essenziali. È un segnale che le istituzioni danno alla comunità: un segnale di unità e obiettivi comuni. Soprattutto, però, sono contenta che inizi questa fase di prevenzione di massa. La Regione Toscana ha stabilito un piano. Seguirlo significa che ogni territorio dovrà fare il suo pezzettino. Questo è un momento in cui dobbiamo pensare molto in piccolo per realizzare progetti grandi. Ed è un momento di grande, grandissima speranza. Se qualche mese fa parlavamo di dover convivere con il virus, oggi possiamo cominciare a ragionare di sconfiggerlo”.

Il sindaco di Castelfranco di Sotto, Gabriele Toti, aggiunge: “Stiamo entrando concretamente nella fase che permette di effettuare le vaccinazioni alla popolazione over 80 grazie ai medici di medicina generale. È un passaggio fondamentale per aiutare a superare la pandemia. Il territorio vedrà una divisione che consenta alle persone residenti nei paesi delle Cerbaie di utilizzare la casa della salute di Galleno per avere un servizio svolto sul territorio in modo più vicino”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.