Quantcast

Addio al gigante con il sorriso, Castelfranco piange Rigoletto

Domani il funerale

Il suo nome era impossibile da scordare. Ma per chi lo conosceva, era il suo sorriso la chiave di lettura di quell’omone: mai sguaiato, accennato forse, ma sempre presente e ben stampato in faccia. Per tutti Rigoletto Panattoni era di Castelfranco di Sotto, anche se era nato a Pontedera. Ma era a Castelfranco che lo aveva portato il cuore, da più di 35 anni.

Dopo una lunga malattia, aggravata dal coronavirus, è morto ieri 25 febbraio a soli 69 anni. Una vita dedicata al lavoro, alla famiglia, alla pesca che era la sua passione, ma anche agli altri: volontario della Misericordia, per i bambini era Babbo Natale e per gli adulti una spalla sulla quale contare sempre. Anche come figurante al Palio dei barchini.

Il funerale sarà celebrato domani 27 febbraio alle 10 a Castelfranco, nella chiesa Collegiata.

“Rigoletto – scrive la Misericordia – era molto affezionato alla Misericordia e noi a lui, era un volontario attivo all’interno dell’associazione ed è stato anche consigliere. Uomo grande, buono, generoso e sempre con la battuta pronta, che ha donato molto del suo tempo libero agli altri. La sua peculiarità nei servizi era un grande sorriso e quella capacità naturale di far sentire tutti a proprio agio.

Inoltre, appoggiava ogni iniziativa a cui partecipavamo, con entusiasmo e qualsiasi cosa gli proponevamo non rifiutava mai, tanto da proporsi lui stesso come cavia per il trucco bimbi ed essere lui l’esempio di un trucco da tigre allo stand durante la Fiera a novembre a Castelfranco. E non solo, ad ogni vigilia di Natale, vestiva i panni di Babbo Natale e portava la magia nelle case dei castelfranchesi. Ci ha lasciati, dopo una lunga battaglia, durante la quale è stato costantemente sostenuto da sua moglie Maria. A lei, tutta la nostra vicinanza e il nostro affetto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.