Offese sui social a medici e infermieri, prime sanzioni per i responsabili

Pugno duro dell'Ausl che procede con le denunce: le multe vanno da 500 a 5mila euro

Stop a ingiurie, offese e violenze a infermieri, medici e personale sanitario. L’azienda Usl Toscana nord ovest ha già assunto diverse iniziative, anche in sede penale, contro le aggressioni sia fisiche sia verbali nei confronti del personale sanitario che opera nelle proprie strutture.

In particolare l’azienda si è attivata perché fosse applicato l’articolo 9 della nuova legge in materia, segnalando al comando Nas dei carabinieri l’utilizzo offensivo o verbalmente violento dei social, tra cui Facebook e Whatsapp, contro i propri operatori. E i primi provvedimenti sono già stati eseguiti nei confronti dei responsabili.

La legge 113 del 2020, infatti, stabilisce che chiunque tenga condotte violente, ingiuriose, offensive o moleste nei confronti di personale sanitario o anche di chiunque svolga attività ausiliarie di cura, assistenza sanitaria o soccorso funzionali allo svolgimento di dette professioni presso strutture sanitarie e socio-sanitarie è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma che va da 500 a 5000 euro. Si tratta di una normativa di tutela importante, approvata unanimemente dal Parlamento.

L’azienda Usl Toscana nord ovest continuerà a segnalare al comando Nas dei carabinieri comportamenti o comunicazioni via social aggressivi ed offensivi. L’azienda, inoltre, continuerà a denunciare comportamenti violenti che costituiscano ipotesi di reato verso il proprio personale sanitario, per tutelarne l’impegno instancabile prestato al servizio dei cittadini, il cui valore è ancor più encomiabile in questo periodo di pandemia.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.