Quantcast

Bestemmie sui giochi dei bambini: la protesta delle mamme foto

Da settimane nei giardini in piazza Vittorio Veneto a Capanne. Il parroco chiama il sindaco

I bambini guardano le mamme un po’ stupiti e chiedono: “Ma se sono parolacce perché ci sono ancora?“. Perché loro lo hanno imparato al catechismo o in famiglia che che certe cose non si dicono, e tantomeno si scrivono. Eppure, in piazza Vittorio Veneto a Capanne, nel comune di Montopoli in Valdarno da settimane campeggiano sui giochi dei bimbi bestemmie e offese irripetibili.

La segnalazione arriva dalle mamme che da oltre un mese chiedono all’amministrazione di rimuovere quelle scritte. Un intervento il più celere possibile visto che, con la riapertura delle aree gioco e con la bella stagione che avanza, i parchi pubblici sono sempre più frequentati. Per di più che questi sono sono giusto davanti a una scuola.

Anche il parroco recentemente ha telefonato al sindaco Capecchi per far rimuovere le ingiurie. “Sono offensive nei confronti di chi crede, ma è anche una questione di educazione – lamentano i genitori – Non è una bella cosa che i bambini leggano bestemmie sui loro giochi”. E non è facile nemmeno spiegare perché sono lì.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.