Coronavirus, 40 nuovi casi nel comprensorio del Cuoio. Quattro i morti in provincia

Ancora in calo ricoveri (anche in terapia intensiva) e attualmente positivi in regione

Ci sono 69 nuovi casi di coronavirus, ma sono quattro i decessi. Questi i dati del coronavirus a Pisa nelle ultime 24 ore.

Nel comprensorio si registrano 10 casi a Fucecchio, 4 a Castelfranco di sotto, 3 a Montopoli in Val d’Arno, 16 a San Miniato, 7 a  Santa Croce. Nessun caso a Santa Maria a Monte.

In regione sono 886, meno dunque di ieri, i nuovi casi Covid 19. La riga è quella, come sempre, tirata a mezzogiorno e misura l’andamento dell’epidemia, con 23047 persone, anch’esse in diminuzione (meno 2 per cento), al momento positive in tutta la Toscana. Crescono anche i guariti dall’inizio dell’emergenza, che data oramai oltre un anno fa: 192.794 in tutto, l’86,9 per cento dei 221859 casi di positività segnalati dal 2020 ad oggi) e 1320 (più 0,7 per cento) si sono aggiunti nelle ultime ventiquattro ore. Guariti a tutti gli effetti: non solo più senza sintomi o manifestazioni cliniche associate all’infezione, ma anche da un punto di vista virale, tutti certificati con tampone negativo.

Ventisei sono i nuovi decessi: 13 uomini e 13 donne, con un’età media di 80,5 anni. Di questi quattro sono della provincia di Pisa.

Su poco più di 23mila malati, in 1729 sono ricoverati in ospedale (diminuiti di 28, un calo dell’1,6 per cento). Di questi 255 si trovano in terapia intensiva (uno in meno, meno 0,4 per cento).

Gli altri  21.318 sono isolati a casa, perché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano privi di sintomi: sono calati di 432 rispetto al dato delle ventiquattro ore precedenti, meno 2 per cento.

Degli 886 nuovi casi di oggi – 515 riferiti alla Asl Centro, 194 alla Nord Ovest e 177 alla Sud est – 854 sono stati confermati con tampone molecolare e 32 attraverso il test rapido antigenico. I tamponi complessivamente registrati nelle ultime ventiquattro ore sono, rispettivamente, 13852 e 12228, Di questi il 3,4 per cento è risultato positivo. Se il calcolo lo facciamo sui soli soggetti testati  (8671, escludendo i tamponi di controllo), la percentuale sale al 10,2 per cento. L’età media dei nuovi positivi che compaiono nel bollettino di oggi è di 44 anni circa: il 22 per cento ha meno di 20 anni, il 22 per cento tra 20 e 39, il 30 per cento tra 40 e 59, il 17 per cento tra 60 e 79 e il 9 per cento ottanta o più.

L’andamento del virus per provincia

Con gli ultimi casi registrati salgono a 60810 i positivi, dall’inizio dell’emergenza, segnalati tra i residenti nei territori della Città metropolitana di Firenze (291 in più rispetto a ieri), 20075 a Prato (107 in più), 20777 a Pistoia (87 in più), 12395 a Massa Carrara (33 in più), 23076 a Lucca (64 in più), 27221 a Pisa (69 in più), 16329 a Livorno (58 in più), 20342 ad Arezzo (106 in più), 12358 a Siena (46 in più) e 7921 a Grosseto (25 in più). Nel corso dell’epidemia ci sono poi stati 555  casi positivi notificati in Toscana, ma che riguardavano residenti in altre regioni.

E se 23047 sono i malati in cura a casa, 31074  sono le persone, pur non positive, anch’esse costrette nel proprio domicilio, in sorveglianza attiva, perché hanno avuto contatti con persone contagiate: 409 comunque in meno rispetto a ieri, diminuite dell’ 1,3 per cento, 13.494 complessivamente nell’Asl Cento, 9.377 nella Nord Ovest e 8.203 nella Sud Est.

I decessi

Delle ventisei morti segnalate nel bollettino di oggi (13 uomini e 13 donne, con un’età media di 80,5 anni), suddivise per provincia di residenza, 9 interessano la Città metropolitana di Firenze, 1 Prato, 1 Pistoia, 1 Massa Carrara, 5 Lucca, 4 Pisa, 1 Livorno, 1 Arezzo e 3 Siena. Dall’inizio dell’epidemia salgono così a 6.018 i deceduti: di nuovo per provincia sono 1.922 a Firenze, 491 a Prato, 533 a Pistoia, 508 a Massa Carrara, 615 a Lucca, 644 a Pisa, 389 a Livorno, 406 ad Arezzo, 273 a Siena e 157 a Grosseto. Vanno aggiunte 80 persone morte sul suolo toscano ma  residenti altrove.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.