Quantcast

Covid, verso nuove concessioni: coprifuoco alle 23 e sì a pranzi e cene al chiuso

Il 24 maggio l'attesa data per la riapertura delle palestre. Dal 21 giugno stop alle limitazioni di orario

Nuove riaperture in vista. È quanto emerso dal confronto fra governo e regioni attualmente in corso. 

La linea, in attesa del decreto dovrebbe prevedere lo spostamento del coprifuoco alle 23 non appena sarà approvato il test. Dal 7 giugno, poi, il coprifuoco si sposterà a mezzanotte e sparirà dal 21 giugno in poi. Già ora in zona bianca (in cui entreranno almeno sei regioni a breve) non è previsto il coprifuoco.

Le palestre al chiuso potranno invece riaprire dal 24 maggio. Piscine al chiuso e centri benessere, invece, potrebbero riaprire dall’1 luglio.

Bar e ristoranti potranno fare servizio al chiuso, sempre con le precauzioni previste, dall’1 giugno anche a cena nel rispetto degli orari del coprifuoco.

Se il decreto sarà approvato, nei bar si potrà consumare di nuovo al bancone (al chiuso) dalle 5 del mattino alle 18. Dopo questo orario si potrà consumare solo con il servizio ai tavoli esterni e sarà in vigore l’asporto.

Nella bozza del nuovo decreto l’apertura dei centri commerciali sarà possibile già a partire dal weekend del 22 e del 23 maggio. Si potrà dunque tornare a fare shopping nei mercati e nei negozi che si trovano all’interno di queste strutture.

Ok al pubblico dall’1 giugno per eventi sportivi all’aperto e dall’1 luglio al chiuso, nei limiti giù fissati (capienza non superiore al 25 per cento di quella massima e comunque non superiore a mille persone all’aperto e 500 al chiuso), e non più limitatamente alle competizioni di interesse nazionale.

Dal 15 giugno potranno riprendere anche feste e ricevimenti di matrimoni, battesimi, lauree. Ma sarà necessario presentare il pass che attesti di essere stati vaccinati, di essere guariti dal Covid recentemente (e quindi di essere ancora immuni) o di aver effettuato un tampone anti-coronavirus risultato negativo.

Le attività in sale da ballo, discoteche e simili, all’aperto o al chiuso, restano sospese. Riaprono invece le attività di centri culturali, centri sociali e centri ricreativi a partire dall’1 luglio.

Gli impianti di risalita in montagna riapriranno dal 22 maggio, alle condizioni indicate dalle linee guida.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.