Quantcast

Stacca l’acqua al vicino e lo riempie di botte: la lite condominiale finisce nel sangue. Nei guai un 51enne

30 giorni di prognosi per la vittima: denunciato un uomo per lesioni dolose

Più informazioni su

Pugni in faccia fino a farlo cadere a terra che lo hanno costretto alle cure mediche. In pieno centro a Pisa una lite condominiale degenera e finisce nel sangue: ora scatta la denuncia. L’ Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della Questura ha denunciato in stato di libertà, per il reato di lesioni dolose, un cittadino polacco 51enne.

L’uomo la scorsa settimana aveva aggredito un condomino picchiandolo con violenza e provocandogli ben 30 giorni di prognosi per i colpi inferti. L’ aggressore era stato richiamato dal condomino perché a quest’ ultimo era stata inspiegabilmente interrotta la fornitura di acqua corrente, e il polacco che si occupa dei piccoli lavori del condominio ne era stato l’autore, peraltro danneggiando parzialmente l’erogatore in modo da impedirne la riapertura manuale, per fare evidentemente un dispetto all’ altro per pregressi cattivi rapporti di vicinato.

Dopo aver acconsentito in un primo momento alla riapertura del contatore, il cittadino polacco all’ improvviso ha aggredito la vittima con una serie colpi al volto, facendolo rovinare a terra e costringendolo a ricorrere alle cure mediche. Referto alla mano, la vittima ha sporto denuncia in Questura e la Polizia, acquisiti i necessari riscontri, ha denunciato il cittadino polacco alla Procura della Repubblica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.