Quantcast

Pisa, firmata l’ordinanza antidegrado: divieto di sedersi sul suolo pubblico

La disposizione sarà in vigore dal 21 giugno fino al 31 dicembre

Contrastare il degrado urbano nel centro storico. È questo l’obiettivo dell’ordinanza firmata oggi (18 giugno) dal sindaco di Pisa Michele Conti. La disposizione in vigore dal 21 giugno fino al 31 dicembre, prevede il divieto di sedersi, sdraiarsi o dormire sul suolo pubblico o nelle aree ad uso pubblico o aperte al pubblico passaggio, sui gradini dei piedistalli della statue e dei monumenti, sulle soglie, sulle pavimentazioni, sui muretti, sui gradini posti all’esterno degli edifici pubblici e privati, sugli spazi verdi, sugli arredi urbani comprese le rastrelliere per le biciclette. Il divieto di sedersi di cui alla presente ordinanza non si applica sulle panchine e nelle aree dei pubblici esercizi o aree pubbliche esterne, di pertinenza dell’attività, legittimamente autorizzate all’occupazione di suolo pubblico.

“L’ordinanza si è resa necessaria – spiega il sindaco Michele Conti – per la presenza di fenomeni che contrastano col decoro e la vivibilità urbana. L’ordinanza si aggiunge alle misure già adottate nei giorni scorsi per un centro più sicuro e vivibile, come la cessazione dell’attività di vendita per asporto di bevande alcoliche e superalcoliche nei pubblici esercizi del centro e della zona stazione dalle 17 alle 24 nel fine
settimana. Sono tutti provvedimenti che ruotano intorno a un’idea di città che può essere riassunta con tre parole: decoro, sicurezza, inclusione”.

“Per attuarla, oltre alle ordinanze, ho scritto al comandante della polizia municipale Alberto Messerini dando un indirizzo
politico chiaro che prevede il potenziamento della presenza della polizia municipale nella zona stazione, piazza Vittorio, corso Italia e vie limitrofe con un numero complessivo di circa 50 agenti che saranno impegnati nei vari turni nell’arco della giornata. Al
potenziamento dei servizi di vigilanza si devono aggiungere l’attività dell’unità di strada e le operazioni di lavaggio di marciapiedi e loggiati da parte del servizio di igiene urbana. Un presidio costante del territorio che deve disincentivare condotte contrarie al decoro e
garantire maggiore sicurezza a residenti, studenti e turisti. C’è bisogno di una stretta sul controllo del territorio – conclude Conti –, una richiesta fatta al Prefetto di Pisa e al Sottosegretario al Ministero degli Interni, di una presenza maggiormente distribuita sul territorio dei militari impiegati nel progetto strade sicure e un’accelerazione sulle espulsioni di soggetti pregiudicati o che reiterano reati. Noi facciamo la nostra parte ma è necessario un forte impegno da parte di tutti i soggetti coinvolti”.

L’ordinanza prevede che i titolari degli esercizi commerciali che insistono nell’area di applicazione devono esporre in vetrina, e comunque in maniera ben visibile dal pubblico all’esterno, un avviso sintetico con i divieti consegnato dall’amministrazione comunale. Per chi non osserverà le misure è prevista una sanzione che va dai 25 ai 500 euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.