Quantcast

Maxi furto nella notte alla Geofor: rubate trenta marmitte

Disagi per il servizio, un danno di diverse decine di migliaia di euro

Maxi furto nella notte alla Geofor. Attorno alle 5,30 di questa mattina (20 giugno), il personale di Geofor entrato in servizio nel giorno festivo ha riscontrato l’asportazione dei catalizzatori presenti sulle marmitte di scarico degli automezzi destinati alla raccolta dei rifiuti.

Trenta vetture della sede di Pisa non sono quindi state utilizzabili e sarà necessario attendere la sostituzione dei pezzi mancanti, prima di ripristinarne la piena operatività.

I servizi festivi programmati per la mattinata sono stati assicurati, seppur con ritardo, anche utilizzando a scorrimento i mezzi presenti negli altri cantieri aziendali, mentre per quelli programmati nel pomeriggio non si prevedono particolari disagi.

Per quanto riguarda i servizi dei prossimi giorni, l’azienda sta pianificando ogni possibile azione, coinvolgendo le altre società del gruppo Retiambiente, al fine di reperire mezzi di scorta con caratteristiche simili. Nel contempo il personale di Geofor sta contattando i fornitori per accelerare il reperimento dei ricambi, oltre che a rimodulare i servizi, utilizzando su più turni tutti gli automezzi disponibili. Il tutto con lo scopo di ridurre al minimo gli inevitabili disagi che tale situazione potrebbe generare.
Non è ancora possibile capire l’entità economica del danno, ma si ipotizza un costo di diverse decine di migliaia di euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.