Quantcast

Lambertucci: “La situazione del parco di Verbella l’avevo segnalata settimane fa” foto

Il capogruppo di opposizione aggiunge: "Ho segnalato anche le zone di spaccio. Non si può fare finta di non vedere o che il problema non esista"

La situazione di ieri sera, (leggi qui) al parco in zona Verbella, sembra non essere frutto di un episodio casuale. A dirlo è il capogruppo del gruppo consiliare di minoranza ‘Per un’altra SantaAlessandro Lambertucci, che spiega: “Che in quella zona ci sono problemi lo avevo segnalato già alcuni giorni fa al Questore di Pisa, ai carabinieri e all’assessore comunale competente Elisa Bertelli. I carabinieri forse hanno intensificato i controlli, ma per il resto non è stato fatto niente. Sia chiaro qui non è una questione di dare ragione a una parte o torto all’altra – precisa Lambertucci – c’è un fatto che rappresenta un problema per una zona di Santa Croce, quindi secondo me va risolto. Io avevo segnalato, sia una difficoltà di gestione dei rapporti tra i frequentatori del parco e i residenti, per problemi di schiamazzo notturno e altre criticità. Però avevo segnalato anche che la zona del parco a Verbella da tempo è stata presa di mira da vandali, che hanno deturpato gli arredi urbani e creato degrado (vedi le foto). Non solo i frequentatori del parco spesso sporcano e contribuiscono a causare degrado nella zona”.

La questione è semplice, – dice Lambertucci- se c’è un problema non si può fare finta che non ci sia, non ci si può voltare dall’altra parte, credo che sia necessario intervenire per capire cosa lo causa e attuare una serie di contromisure che devono portare alla risoluzione. Come primo atto avevo chiesto più vigilanza sulla zona in modo da creare un deterrente alla permanenza di queste persone in quell’area del paese”.

“Soprattutto adesso – continua Lambertucci -, che si va verso il periodo estivo, non si può lasciare che Santa Croce abbia delle zone dove si creano situazioni di tensione o peggio ancora in altri casi di microillegalità”.

Poi Lambertucci spiega che al momento ci sono anche altre zona di Santa Croce sull’Arno che vivono situazioni di difficoltà.“Nelle settimane scorse – racconta il consigliere comunale – avevo segnalato anche una serie di zone di spaccio di sostanze stupefacenti, su sollecitazione dei cittadini, che non sono certo contenti che sotto le loro finestre si aggirino spacciatori e malfattori in generale. E’ inutile giraci intorno a Santa Croce lo spaccio c’è e non si può fare finta di non venderlo o che non ci sia. Questo è un problema per i cittadini che vivono la città. Credo che ci vada messa mano non si può fare finta che i fenomeni di microillegalità non siano presenti o fare finta di non vedere, bisognerebbe lavorarci per risolverli”.

“Inoltre c’è da aggiunge – racconta Lambertucci – che questi episodi e le conseguenti segnalazioni stanno aumentando notevolmente in città io personalmente ricevo molte segnalazioni di ubriachezza, spaccio e atti vandalici. Un fenomeno da leggere in una dinamico socio economica più complessa. Questo dato – ipotizza il consigliere di opposizione – potrebbe essere indicatore del fatto che vi sono disagi e frustrazioni irrisolte da parte di qualcuno, come quelle che possono seguire alla crisi economica innescata dalla pandemia e al rischio, che riguarda fette di popolazione sempre crescenti, di trovarsi sotto la soglia di povertà o dalla paura di potersi trovare a breve in disoccupazione”.  (g.m.)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.