Quantcast

Vìola l’ordinanza ‘antivetro’, multato un esercizio commerciale

Proseguono i controlli interforze coordinati dalla questura per le normative antiCovid e di controllo della movida

Controlli rafforzati anche per la giornata di ieri (20 giugno) a Pisa per polizia, carabinieri, guardia di finanza e polizia municipale, con i servizi disposti con ordinanza del questore e coordinati da un commissario della questura.

Nel corso del servizio sono stati identificate 89 persone, controllati 25 veicoli e 2 esercizi commerciali. È stata elevata inoltre una sanzione per vendita di bottiglie di alcolici in vetro oltre l’orario consentito.

Dalla questura si ricorda che persiste il divieto di assembramento visto che l’emergenza sanitaria non è conclusa; pertanto il questore, su delega del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, che si riunisce periodicamente sotto la presidenza del prefetto ed è composto dai vertici di tutte le forze di polizia, continuerà a pianificare servizi coordinati interforze, in aggiunta a quelli che già la polizia effettua ordinariamente.

Nei primi 20 giorni del mese di giugno, questo il bilancio, la sola polizia ha tra l’altro elevato 65 sanzioni amministrative per violazione della normativa antiCovid, nonché 4 sanzioni per violazioni della recentissima ordinanza sindacale antivetro, sottoponendo ai controlli di rito anche numerosi esercizi commerciali. Tra sabato sera ed ieri sera, nel corso dei servizi, la polizia ha anche denunciato un livornese 37enne per violazione della misura di prevenzione del divieto di ritorno a Pisa, comminatagli a febbraio di quest’ nno dal questore; tre gli assuntori segnalati alla prefettura, provenienti dall’hinterland pisano, trovati in possesso in tre distinte occasioni di controllo, in zona stazione, di dosi singole acquistate per lo sballo del fine settimana: in due occasioni si trattava di cocaina, in una di eroina. Per tutti e tre è scattato il sequestro dello stupefacente e la segnalazione amministrativa, come assuntori, al Nucleo operativo tossicodipendenze della prefettura.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.