Quantcast

Incidente in montagna in Garfagnana: muore un escursionista di 33 anni di Cenaia

Intervento del Soccorso Alpino e Speleologico Toscano assieme all'elisoccorso Pegaso della Regione: una donna che era con lui è rimasta ferita e sono lunghe le operazioni di recupero

Grave incidente per due escursionisti nel territorio del comune di Vagli di Sotto, sul monte Roccandagia, in Garfagnana. Uno, un uomo di 33 anni di Cenaia, in provincia di Pisa, è deceduto dopo la caduta, salvata la donna che era con lui ma le operazioni di recupero sono state molto complesse per il luogo e per il meteo e si sono concluse solo alle 22,15.

A intervenire è stato il Soccorso Alpino e Speleologico Toscano dopo la chiamata della centrale unica del 118 arrivata poco prima delle 13,30.

Roccandagia monte incidente

Per l’intervento è stato preallertato l’elisoccorso Pegaso, atterrato alla struttura di Orto Murato, a disposizione per intervenire sul posto, condizioni meteo permettendo, assieme agli addetti del Sast, con lo scopo di velocizzare l’aiuto ai due escursionisti feriti. Per uno dei due, purtroppo, Alessio Amato, 33 anni di Cenaia nel comune di Lorenzana Crespina in provincia di Pisa, non c’è stato nulla da fare. Si è iniziato invece a lavorare alacremente per l’altra persona che è scivolata in una zona impervia, all’uscita del canale San Viano.

La coppia, questa la ricostruzione, ha avuto l’incidente mentre si trovava su delle placche rocciose nella parte finale del canale. L’uomo ha perso la vita precipitando a valle, la donna è ferita ma viva e in condizioni stabili in attesa del recupero da parte dei tecnici.

I due volevano raggiungere la vetta della Roccandagia ma hanno intrapreso un’altra traccia, pare scaricata dal web, che li ha portati sulla destra orografica dell’uscita del canale su un terreno molto impervio e ripido caratterizzato da sfasciumi verticali e da paleo.

La squadra dei tecnici ha iniziato a raggiungere la ragazza da terra, su un terreno particolarmente infido. Le condizioni altalenanti del meteo non hanno ancora consentito l’intervento dell’elicottero. Per prima cosa sono iniziate le manovre di calata, in attesa che si presentassero le condizioni adatte per l’arrivo dell’elicottero per il trasporto della ferita a Castelnuovo Garfagnana. Verificata l’impossibilità del volo per le condizioni meteo si è deciso di proseguire la calata fino al sentiero per poi confluire su Campocatino dove nel frattempo era arrivata l’ambulanza. Alle 22,15 l’arrivo a Campocatino dove la ragazza è stata visitata da personale medico prima di essere accompagnata al pronto soccorso di Castelnuovo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.