Quantcast

Rave illegale, Petrucci (FdI) contro il governo: “Falle nel sistema di controllo, come hanno fatto ad arrivare da altre nazioni?”

“La Regione pretenda spiegazioni. Il rispetto delle regole non vale solo per i cittadini perbene”

Seimila partecipanti al rave party hanno lasciato il terreno di Tavolaia, ma il fatto rimane. Il più grande rave party, organizzato in Europa dopo le restrizioni della pandemia, è stato possibile solo a causa di falle nel sistema di controllo”. Così il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Diego Petrucci, componente della Commissione sanità.

Come hanno fatto molti dei partecipanti ad arrivare da altre nazioni per una festa abusiva? – si chiede Petrucci – Erano vaccinati? Erano muniti di green pass? A queste domande deve rispondere il Governo italiano che, ad oggi, continua ad impedire la riapertura delle discoteche. La Regione, dopo aver costretto i toscani a sopportare importanti restrizioni, adesso deve pretendere spiegazioni dal Governo.

In barba alla prudenza e all’osservanza delle regole attualmente in vigore nel nostro Paese, organizzatori, sembra francesi, hanno potuto liberamente mettere in piedi un mega raduno. Non possono essere sempre e solo i cittadini perbene a rispettare le regole: serve rispetto per i toscani e gli italiani” conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.