Quantcast

Lutto a San Miniato e Castelfranco per la morte di Paolo Costagli

È morto ieri in un incidente stradale sulla A1. Era stato consigliere di opposizione a Castelfranco. Il ricordo di Paolo D'Addario e del sindaco Toti

Si schianta in moto contro un’auto in fila, muore il 61enne Paolo Costagli. Di Montaione, ma residente e molto attivo a San Miniato e Castelfranco, è rimasto ucciso ieri (6 luglio) dall’incidente avvenuto fra Calenzano e Firenze Nord in direzione Bologna. Era anche consigliere regionale del comitato toscano della Fisi, la federazione degli sport invernali nonché consigliere e dirtettore sportivo del Circolo Nautico Castiglioncello.

Secondo le ricostruzioni della Polstrada, intervenuta sul posto, ha tamponato un’auto ferma a causa della fila. E per lui non c’è stato nulla da fare.

A ricordarlo è Paolo D’Addario, compagno di tantre iniziative e attività. “Ho appreso della dipartita di Paolo nel corso della mattina attraverso la telefonata di un comune amico. Sono rimasto di ghiaccio. Servirà tempo per assorbire la botta. Di Paolo ho solo ricordi belli. Persona sempre disponibile, sempre con il sorriso sulle labbra. Appassionato del proprio lavoro che svolgeva con meticolosa professionalità. Attento osservatore di ciò che accadeva sul territorio del comprensorio. Continuava a coltivare con interesse la passione per la politica dopo la fine del suo impegno nelle istituzioni quale consigliere comunale di opposizione nel mandato 2009 – 2014 nel comune di Castelfranco, dove non è mai mancato il suo contributo in termini di idee e proposte costruttive. Un galantuomo della politica locale, quella con la P Maiuscola”.

“Ci sentivamo – prosegue D’Addario – per lunghe telefonate, nelle quali ci scambiavano opinioni su questioni di politica locale e nazionale. Dopo la fine del suo mandato si era impegnato con il nostro gruppo Impegno Civico senza mai far mancare il suo supporto in termini di idee. Mi parlava spesso con soddisfazione della figlia per la quale nutriva grande affetto ed anche stima professionale. Grande sportivo, arbitro di sci. Interpretava la competizione con nobile senso della partecipazione. Una grave perdita per la comunità dell’intero comprensorio, per il mondo della professione, interpretata sempre con grande stile, per lo sport, e per i propri cari”.

Lo ricorda anche il sindaco di Castelfranco, Gabriele Toti: “Ci eravamo conosciuti in Comune per la sua attività di geometra e poi ritrovati in consiglio comunale. Era stato candidato sindaco e poi consigliere comunale per tutta la legislatura 2009-2014. Il suo impegno dai banchi dell’opposizione me lo ricordo sempre come molto positivo e propositivo. Non cadeva mai nella polemica ed arrivavano spesso dei suggerimenti. Qualche settimana fa ci eravamo incrociati per parlare di alcuni sui progetti.
Invio da parte mia personale e del comune di Castelfranco le condoglianze ai familiari. Rip Paolo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.