Quantcast

Sul computer di casa immagini di sesso tra bambini e adulti, in manette un 20enne

Il giovane, becccato in flagrante, è ora ai domiciliari

Studente pisano arrestato per detenzione di ingente quantità di materiale pedopornografico.

Nell’ambito del costante monitoraggio della Rete, al fine di combattere l’odioso fenomeno degli abusi minorili, alle prime ore del 21 luglio 2021, a Calcinaia  il personale della polizia postale, su delega della procura di Firenze per il contrasto al fenomeno delle pedopornografia on line ha ammanettato, in flagranza di reato, su disposizione della procura della Repubblica Pisa, uno studente di 20 anni per detenzione di ingente quantità di video e immagini pornografiche ottenute mediante lo sfruttamento di minori.

Il materiale rinvenuto dagli investigatori  sui computer e sullo smartphone del giovane  interessa bambini in tenerissima età (minori 5 di anni ), impegnati in atti sessuali tra minori e con adulti, di una natura particolarmente grave e cruenta.

Al ventenne, l’autorità giudiziaria ha applicato la misura degli arresti domiciliari, anche in considerazione della sua giovane età.

La polizia Pìpostale raccomanda: qualora online vi imbatteste in contenuti pedopornografici, non scaricate alcuna foto o video, la sola detenzione di immagini pedopornografiche, infatti, costituisce reato. Segnalate l’indirizzo web del sito in questione attraverso il portale segnalazioni su www.commissariatodips.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.