Quantcast

Altri 76 sanitari sospesi nell’Asl Toscana Centro: non erano vaccinati contro il Covid

L'ordine chiede a Regione e Asl di assumere, per evitare carichi di lavoro

Altri 76 sanitari sospesi nell’Asl Toscana Centro: non erano vaccinati contro il Covid.

“A fronte di altre 76 sospensioni di infermieri non vaccinati e che si sommano ad altre 118 delle scorse settimane – affferma l’ordine  – chiediamo alle Asl pubbliche e private di agire caso per caso per evitare carichi di lavoro elevati per chi rimane a lavoro”.

“Non intendiamo giustificare gli infermieri non vaccinati – spiega Danilo Massai, presidente di Opi Firenze-Pistoia – ma chiediamo che le aziende entrino nello specifico dei singoli casi  prima di far scattare le sospensioni. Urge l’attivazione di commissioni per la valutazione delle singole situazioni in modo da poter riallocare le risorse e reinserire velocemente personale nei servizi. Questo per evitare che le sospensioni stesse si traducano in carichi di lavoro insostenibili per chi rimane”.

L’Ordine chiede al governatore Eugenio Giani, all’assessore regionale Simone Bezzini e a quello al sociale Serena Spinelli di autorizzare con urgenza le Asl ad assumere sanitari dalla graduatoria Estar attiva, provvedendo così alla sostituzione dei sospesi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.