Quantcast

Condannato per ricettazione e commercio di borse contraffatte, rintracciato a Pisa finisce in cella

A rintracciarlo e arrestarlo è stata la squadra mobile

Più informazioni su

La sezione catturandi della squadra mobile della Questura ha rintracciato e tratto in arresto, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso nel luglio 2018 dalla procura di Firenze un cittadino senegalese 40enne.

L’ uomo era stato condannato a scontare 6 mesi di reclusione per i reati di ricettazione e commercio di borse con marchi contraffatti, in violazione del diritto d’ autore, per fatti commessi nel capoluogo toscano negli anni passati.

Divenuta definitiva la condanna, è stato spiccato l’ ordine di cattura ma nel frattempo il senegalese aveva fatto perdere le sue tracce. La polizia lo aveva cercato dapprima a Livorno, dove era stata segnalata la sua presenza, ma con esito negativo. Poi gli investigatori della squadra mobile pisana, nel corso dei periodici servizi volti ad aggiornare la lista dei catturandi hanno orientato le ricerche dell’ uomo nella periferia cittadina, poiché le sue tracce portavano l’ estate appena trascorsa al litorale pisano, dove è stato scovato a casa di conoscenti e tratto in arresto. Dopo un passaggio in questura per le formalità di rito, è stato accompagnato al carcere Don Bosco dove sconterà il suo debito con la giustizia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.