Quantcast

Controlli della polizia a Pisa: due espulsioni

Furti e droga le accuse per i due stranieri portati al cpr

Più informazioni su

Controllo straordinario del territorio della polizia in zona stazione e alla ex area Vitarelli Glassa a Porta a Mare a Pisa.

I poliziotti hanno circondato la zona per impedire eventuali fughe e pizzicato un 38enne di origine tunisina, già conosciuto per spaccio stupefacenti, che ha tentato la fuga a bordo di una mountain bike. Sottoposto a perquisizione, nella sua disponibilità sono state rinvenute e sottoposte a sequestro, ritenute provento di furto due mountain bike, una elettrica di marca Rockrider e una mountain bike di marca Wildtail una chitarra acustica con custodia.

Inoltre sono stati a lui sequestrati una bilancina di precisione utilizzata per il confezionamento di sostanza stupefacente e un involucro termosaldato contenente eroina.

Accompagnato in questura per il rituale fotosegnalamento e la denuncia, verrà espulso e nei prossimi giorni sarà imbarcato sul primo charter in partenza per Tunisi.

L’uomo si era già reso noto in provincia dal 2018, quando la notte del 26 gennaio fu arrestato con un complice per un furto alla Coop di via Pardi; di recente era stato denunciato dalla questura perché riconosciuto come l’autore di un tentato furto in danno di un albergo cittadino avvenuto lo scorso 8 settembre

Un’altra espulsione con accompagnamento ad un centro di permanenza, stavolta di Bari, è stata effettuata oggi (25 settembre). Si tratta di un 26enne di origine tunisina, che era stato accompagnato dalla polizia municipale di Pisa all’ufficio immigrazione dopo l’arresto per stupefacenti, effettuato nella serata di giovedì scorso con l’ ausilio del cane antidroga in uso alla municipale. Dopo la convalida dell’arresto ed il nulla osta all’espulsione da parte della procura, la polizia municipale ha accompagnato il tunisino in questura dove è stato preso in carico dall’ufficio immigrazione.

Dopo la firma del decreto di espulsione da parte del questore, una pantera ha provveduto ad accompagnarlo a Bari per finalizzare la sua definitiva espulsione dal territorio nazionale.

Dall’1 gennaio di quest’anno infatti le espulsioni di irregolari hanno avuto una impennata, con ben 79 stranieri espulsi di cui 43 con intimazione ad allontanarsi dall’Italia entro 7 giorni, 33 con accompagnamento ai Cpr e 3 con accompagnamento diretto alla frontiera aerea.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.