Quantcast

Tifosi armati di bastoni e sassi alla partita dell’Empoli: 6 daspo

I supporter erano stati subito individuati dalla polizia

Daspo da 3 a 8 anni per 6 tifosi empolesi identificati al termine di Empoli-Venezia, coinvolti nei disordini del dopo partita. I 6 sono stati individuati dalla polizia di Firenze.

Il questore  ha emesso nei loro confronti 6 nuovi Daspo. Sale così a 27 il numero dei provvedimenti varati dalla divisione polizia anticrimine del capoluogo toscano e firmati dal questore Filippo Santarelli in queste ultime settimane di quasi ritorno alla normalità negli stadi, dopo le limitazioni imposte nei mesi scorsi dalla pandemia.

Questa volta il divieto di partecipare alle manifestazioni sportive da 3 a 8 anni riguarda 6 supporter empolesi fermati e identificati lo scorso 11 settembre dalla polizia al termine dell’incontro di calcio di serie A Empoli-Venezia.
Quel pomeriggio, al termine della partita ad Empoli, mentre era in atto la delicata fase di deflusso della tifoseria veneziana la Polizia, grazie ad una segnalazione, ha intercettato – tra via di Pratella e via Giro delle Mura Sud – un gruppo di tifosi empolesi, armati di bastoni e sassi, che alla vista degli agenti si sono dati alla fuga.
Le pattuglie, dopo aver impedito che le due tifoserie venissero a contatto, hanno fermato 6 persone non armate, rinvenendo, poco distante, mazze e aste di bandiera abbandonate a terra.

Si tratta di 5 uomini della zona di età compresa tra i 18 e i 37 anni e di un parmense di 28: per la polizia facevano tutti parte di un gruppo più numeroso, che si stava preparando ad aggredire la tifoseria ospite al suo passaggio.
Per 4 dei fermati è quindi scattato un daspo di 3 anni, mentre a due empolesi di 37 e 31 anni – entrambi già noti e già destinatari di analogo provvedimento in passato – sono stati spiccati provvedimenti “con prescrizioni” rispettivamente della durata di 5 e 8 anni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.