Quantcast

Ritrovata ferita dai bracconieri a Montopoli Valdarno, l’aquila torna a volare

Ha spiccato il volo di fronte ai bimbi della scuola di infanzia di Cascine Nuove

Ha spiccato il volo da San Rossore, di fronte ai bimbi della scuola di infanzia di Cascine Nuove, estasiati dalla sua bellezza e maestosità. Si tratta di un’aquila minore, nome scientifico Hieraaetus pennatus, dall’apertura alare di 1,2 metri circa.

“Questo bellissimo esemplare è stato trovato ferito gravemente nella zona di Montopoli Valdarno a causa di colpo di fucile sparato da alcuni bracconieri che vedono nell’aquila un competitore rispetto alle specie che normalmente vengono cacciate – spiega Sara Cervasio volontaria del Cetras – ricordo che è severamente vietato e contro la legge sparare ai rapaci e alle specie protette”.

Portata al centro territoriale per il recupero dell’avifauna selvatica, l’aquila è stata curata ed ora può ripartire sulla rotta della migrazione.

“Gli ambienti della Tenuta sono più sicuri per il rilascio  – aggiunte Luca Gorreri, responsabile della gestione faunistica dell’ente Parco – e perché questo esemplare possa finire il suo recupero per poi riprendere il suo viaggio verso sud”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.