Quantcast

Empoli, l’ufficio del Giudice di pace di via Sanzio rimarrà aperto

Approvata la proroga della convenzione per la gestione in forma associata

È stata approvata ieri sera (26 ottobre) la proroga della convenzione per la gestione in forma associata del Giudice di pace di Empoli.

I vori favorevoli sono arrivati dal Partito Democratico, Questa è Empoli, Lega Salvini Empoli, Buongiorno Empoli – Fabrica Comune, Movimento 5 Stelle con l’astensione Fratelli d’Italia e Centrodestra per Empoli.

Nello stesso documento si prende atto della delibera di giunta del luglio 2020 in cui il Comune di Empoli, come ente capofila degli 11 Comuni dell’Empolese Valdelsa, rimetteva ai competenti uffici del ministero di giustizia la valutazione della proposta di istituire il tribunale ordinario e la Procura della Repubblica con competenza sul territorio dei 15 Comuni dell’Empolese Valdelsa e del Valdarno, consolidare il ripristinato ufficio del Giudice di Pace mantenuto a spese degli 11 Comuni dell’Empolese Valdelsa, con il passaggio della integrale gestione e degli oneri finanziari a carico dello Stato. Due punti oggetto di altrettanti incontri pubblici nell’agosto 2020 e 2021, proprio nella vecchia sede del Tribunale di Empoli, ex sede distaccata del Tribunale di Firenze. Il documento approvato dal consiglio comunale empolese dovrà essere approvato anche dalle assemblee cittadini degli altri dieci Comuni di area.

“Grazie al lavoro di squadra di tutti agli undici Comuni dell’Empolese Valdelsa possiamo mantenere aperto l’ufficio del Giudice di Pace di via Sanzio. È stata una grande riconquista in termini di servizi giudiziari per il nostro territorio e ormai da qualche mese abbiamo affiancato la battaglia dell’associazione nata per la richiesta di un tribunale della nostra città avendo approvato degli atti ufficiali della giunta di Empoli – spiega la sindaca Brenda Barnini –. Ci siamo messi a disposizione per ricercare eventualmente gli spazi dove ospitare il Tribunale. È stato poi avviato un percorso con il consiglio regionale con l’approvazione di un testo presentato dal consigliere regionale Enrico Sostegni. Inoltre c’è l’impegno dei nostri parlamentari in questo senso direttamente a Roma”.

“È proprio di pochi giorni fa la notizia che mi ha dato il senatore Dario Parrini ovvero che saremo a breve convocati, da parte della commissione giustizia del senato, in audizione – conclude Barnini -. Un incontro che coinvolgerà  i sindaci, in questo caso Empoli e San Miniato con il collega Simone Giglioli, i rappresentanti dell’associazione per il tribunale, Roberto Nannelli del direttivo e Gian Paolo Stefanelli, presidente dell’associazione avvocati Empolese Valdelsa. Senza dubbio questa novità rappresenta un primo passo davvero in avanti, concreto per raggiungere l’obiettivo che è sicuramente molto difficile ma per il quale possiamo presentare le carte in regola e soprattutto i numeri che dimostrano quanto Empoli sede di tribunale darebbe risposte a tantissime imprese tantissime famiglie che oggi sono evidentemente costrette a rivolgersi altrove”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.