Quantcast

Compro oro riciclava refurtiva, perquisizioni anche in Toscana

L'imprenditrice aveva apparentemente alienato il complesso del proprio patrimonio intestandolo a una prestanome residente in Toscana

Frode fiscale e ricettazione: una custodia cautelare ai domiciliari, perquisizioni, due denunce e sequestro di denaro per 300mila euro

È questo il bilancio di una operazione appena conclusa da guardia di finanza e carabinieri di Rovigo che ha portato all’arresto di una imprenditrice Adriese.

Le perquisizioni locali, domiciliari e personali effettuate tra Veneto e Toscana, a Ponsacco, in provincia di Pisa, nei confronti di 2 indagate e 3 società a responsabilità limitata a queste riconducibili sono culminate con il sequestro di circa 300mila euro fra contanti e depositi e con l’arresto del dominus occulto del sistema fraudolento, responsabile anche del reato di ricettazione.

L’operazione è scattata alle prime luci di martedì 27 ottobre, a conclusione di due indagini parallele condotte dalla tenenza della guardia di finanza di Adria e dal Nucleo investigativo dei carabinieri di Rovigo che si sono trovati a indagare per ragioni diverse sulla medesima persona. Infatti, mentre l’Arma procedeva per smantellare la rete ricettava di oggetti preziosi proventi da furti in abitazione, risultati poi essere illecitamente acquisiti dall’imprenditore Adriese, la guardia di finanza invece si muoveva su un altro piano investigativo, nell’ambito di indagini per sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

La convergenza delle due indagini ha quindi portato alla unificazione dei procedimenti e all’esecuzione di un sequestro preventivo di euro 300.000 oltre ad una ordinanza di arresti domiciliari per una delle indagate, cui è stato applicato il braccialetto elettronico.

In particolare le attività investigative svolte dalla tenenza di Adria hanno portato all’attenzione della procura rodigina un disegno criminale architettato da una imprenditrice adriese operante nel settore del compro oro,  ambito particolarmente delicato e caratterizzato dal rischio di riciclaggio di ingenti somme in contanti. Le indagini hanno avuto avvio da una serie di incroci di dati che hanno portato alla individuazione della imprenditrice arrestata, peraltro gravata da importanti precedenti fiscali; questa, per sfuggire alle pretese fiscali dell’Erario aveva architettato sin dal 2011 una complicata rete societaria e di “riorganizzazione aziendale”, attraverso le quali era riuscita apparentemente a spogliarsi in modo progressivo di tutti i beni, pur mantenendone la disponibilità di fatto.

Dalle indagini è emerso che per sottrarsi al pagamento derivante dalla notifica di svariate cartelle esattoriali per importi considerevoli relative a imposte non pagate per circa trecentomila euro, l’imprenditrice aveva apparentemente alienato il complesso del proprio patrimonio intestandolo a una prestanome residente in Toscana, creando 3 nuove e distinte società a responsabilità limitata, non più aggredibili dal Fisco in quanto non a lei riconducibili mediante operazioni di conferimento di ramo d’azienda solo apparentemente lecite.

L’intera somma dovuta allo Stato in quanto profitto del reato contestato, è stata recuperata per intero dai finanzieri sia mediante il sequestro di ingenti somme in contanti (pari a ben 94.165 euro rinvenuti sia nell’abitazione dell’indagata che all’interno di una cassetta di sicurezza murata all’interno di una delle società) ma anche sequestrando quanto depositato sui conti correnti intestati agli indagati o alle società-schermo ad essi riconducibili.

Nei confronti dell’imprenditrice, la procura procede sia per frode fiscale (durata circa 10 anni).

L’indagine dei carabinieri prende piede come costola dell’operazione Lockdown condotta agli inizi dell’anno 2020, attività nel corso della quale veniva notato come gli indagati per numerosi furti in abitazione frequentassero con regolarità un negozio di compro oro di Adria.  I carabinieri hanno così iniziato un’attenta ed approfondita attività d’indagine che ha permesso di rivelare come il negozio fosse effettivamente il punto di riferimento di numerosi gruppi criminali del Veneto e dell’Emilia Romagna, gruppi i cui componenti avevano la possibilità di vendere con estrema facilità preziosi di provenienza quantomeno sospetta senza dover esibire documenti e con un pagamento immediato in contanti anche per somme cospicue.

È stato così accertato che la 47enne Adriese finita in manette, formalmente dipendente della società di compro oro ma di fatto titolare della stessa, aveva illegalmente acquisto oggetti in oro e preziosi provenienti da 7 furti in abitazione, avvenuti nel periodo compreso tra il febbraio 2020 ed il maggio 2021 nelle provincie di Rovigo, Padova, Verona e Ferrara.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.