Quantcast

I vigili fanno le multe e si ritrovano le auto private danneggiate

La comandante: "Continueremo a svolgere il nostro lavoro con serietà e professionalità, come abbiamo sempre fatto"

“Ipotizziamo che ci sia una correlazione tre le sanzioni emesse proprio questa mattina e il danneggiamento“. Gli agenti della polizia municipale di Montopoli Valdarno, intanto, sporgeranno denuncia e porteranno avanti le indagini per individuare il o i responsabili dei danneggiamenti alle auto private subite dagli agenti.

E’ successo stamattina 19 novembre. “Io e l’agente che era di pattuglia con me – racconta la comandante Susanna Pisanò – abbiamo lasciato le nostre auto personali al parcheggio della biblioteca per prendere le auto di servizio. Al termine della mattinata siamo tornate al parcheggio e abbiamo visto che qualcuno si è divertito a danneggiare le nostre macchine con graffi su entrambe le fiancate”.

Una brutta sorpresa, che non scoraggia però gli agenti. “Una cosa è certa: continueremo a svolgere il nostro lavoro con serietà e professionalità, come abbiamo sempre fatto“. L’episodio riporta alla mente quanto successo in passato quando altre due automobili di due agenti sono state vandalizzate. “Il luogo della biblioteca – continua la comandante – era stato individuato proprio per tutelare i nostri beni personali a seguito di quel gesto. Fa pensare il fatto che la biblioteca questa mattina fosse chiusa al pubblico e quindi chi ha commesso l’atto vandalico sia andato lì intenzionalmente”.

Ad essere oggetto di atti vandalici, a Montopoli, erano già state anche le auto di servizio (qui la notizia).
“Esprimo solidarietà – ha detto il sindaco Giovanni Capecchi – per quanto accaduto. Trovo davvero deprecabile il cercare di intimorire gli agenti della nostra Municipale. Un atto che non rimarrà impunito. Alla solidarietà si unisce la stima e il ringraziamento per quanto la Municipale svolge quotidianamente. Un’attività che ovviamente non si limita all’emissione delle sanzioni ma a un rapporto di aiuto e sostegno della cittadinanza e di controllo del territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.