Quantcast

Lettera con bossolo al segretario regionale della Fiom Braccini

Nuove minacce al sindacalista. Condanna unanime del gesto: "Un atto gravissimo"

Già un anno fa gli avevano recapitato una busta con lo stesso contenuto, poi, qualche mese fa, avevano infilato una busta con una lettera minatoria sotto la porta della sua abitazione in provincia di Lucca. Ieri (18 novembre) il terzo episodio sconcertante. Ignoti hanno recapitato una busta chiusa con un bosso di proiettile al segretario regionale della Fiom Cgil Toscana Massimo Braccini. Il sindacalista impegnato in tante vertenze a livello regionale è così di nuovo nel mirino. Braccini che ha ricevuto la missiva alla sede regionale della Fiom ha subito informato la polizia, che indaga sull’ennesimo episodio. “Un atto gravissimo, vile e anonimo, un nuovo, ennesimo, tentativo di intimidire il segretario regionale”, scrivono dal sindacato.

“Spetta alla magistratura – si legge nella nota – individuare i responsabili di tale gravissimo atto, quello che è certo è che la Fiom della Toscana, il suo segretario generale, non si faranno intimidire e continueranno nella loro azione in difesa dei lavoratori metalmeccanici.   La segreteria della Fiom nazionale, tutta la Fiom, esprime la più ampia vicinanza e solidarietà al compagno Massimo Braccini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.