Quantcast

Aveva portato Rifondazione Comunista nella zona del Cuoio, addio Baffo foto

Domani il funerale a San Miniato

Non era più tesserato ma Vitaliano Atteoni, per tutti Baffo, è stato il fondatore del movimento per la Rifondazione Comunista della zona del Cuoio. Aveva 82 anni ed è morto oggi 23 novembre, lasciando nello sconforto i tanti compagni, militanti di una vita, che lo ricordano in cortei e manifestazioni ma anche nelle frenetiche organizzazioni delle feste de L’unità prima e di Liberazione poi.

“Chiunque – lo ricorda Rifondazione Comunista – abbia fatto militanza politica nel movimento comunista del comprensorio del cuoio negli anni del Pci, chiunque abbia sentito nel 1992 la necessità di non chiudere quella gloriosa storia di riscatto, in una terra votata al lavoro e alla lotta, non può non avere nel cuore almeno un ricordo del caro compagno Baffo. Vitaliano è stato una colonna di un pezzo di storia del comprensorio come il circolo de La Catena, dove Rifondazione Comunista fin dai primi mesi dopo lo scioglimento del Pci getto le basi per il suo operare.

Chiunque ricorda con quanta simpatia e fervore teneva banco alla storica ‘ruota di baffo’ alla nostra festa. Una militanza decennale e disinteressata, fatta di impegno quotidiano e tanta passione, di capacità di convivere e comprendere anche i più giovani, di andare avanti anche di fronte alle avversità e agli anni più difficili, espressione di quella forza che ha sempre caratterizzato i migliori militanti comunisti. Che la terra ti sia lieve, compagno baffo. I tuoi compagni ti salutano a pugno chiuso“.

Oltre alla militanza politica, da tempo era ormai in pensione, ma prima aveva lavorato ai macelli.

Lascia la moglie Rosa e le due figlie. La salma è esposta alla cappellina della Misericordia di San Miniato Basso in attesa del funerale, che sarà celebrato domani 24 novembre alle 15 nella chiesa di Cigoli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.