Quantcast

Addio al partigiano Lampino, l’Empolese piange un altro testimone della Resistenza

Fino a quando ha potuto, non ha smesso di raccontare la Guerra e la Resistenza ai ragazzi. E’ morto Marino Pedani, 95 anni, partigiano Lampino della brigata Garibaldi. Con lui si spegne una delle ultime voci di quel periodo che tra poco sarà narrato soltanto dai libri. “Un compagno – lo ricorda lo Spi Cgil di Vinci e Cerreto Guidi -, un maestro di vita e un esempio per tutti noi”.

Dopo la guerra era stato eletto con il Pci nel consiglio comunale di Murlo, dove è stato assessore e vicesindaco dal 1955 al 1970, quando si è trasferito a Vinci. Viveva a Petroio e nella sua abitazione, fino alle 14 di domani 7 dicembre, sarà allestita la camera ardente e poi la salma sarà trasferita in piazza della Pace a Sovigliana. Il rito civile sarà nel giardino di Villa Righini, con il saluto delle istituzioni e dell’Anpi, proprio vicino alla lapide che ricorda la Resistenza.

Pedani lascia il figlio Giorgio e tanti amici che hanno ascoltato i ricordi della guerra nelle tante occasioni di ritrovo.

“Con la scomparsa di Marino Lampino – per Enrico Sostegni, consigliere regionale Pd – perdiamo uno dei protagonisti della storia politica e amministrativa dell’Empolese Valdelsa e soprattutto perdiamo un amico, una bella persona che è stata esempio per intere generazioni. Il dolore di oggi dovrà fare posto alla necessità di tenere vivo il ricordo di quell’esempio, di una storia personale fatta di coraggio, coerenza, attaccamento ai valori della democrazia e dell’antifascismo. Voglio ricordarlo anche per l’ultima fase della sua vita, quando testimoniò ancora il suo attaccamento al senso civico vaccinandosi per primo tra gli over 80 nel comune di Vinci. Anche in queste cose, Marino è stato un grande e lascerà un grande vuoto, un’assenza che dovremo cercare di riempire facendo tesoro del suo esempio. Mi unisco al dolore del figlio Giorgio e della famiglia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.