Quantcast

Procedimenti ambientali ed energetici legati al Pnrr: una task force regionale per la semplificazione

Il lavoro degli esperti sarà sorretto dalla collaborazione dei dirigenti e dei funzionari

Dieci esperti a disposizione della Toscana per dettagliare e semplificare gli aspetti tecnici e amministrativi connessi ai procedimenti ambientali ed energetici legati al Pnrr. E’ la task force ‘Autorizzazioni in ambito ambientale’, istituita nell’ambito dell’intervento di Assistenza Tecnica del Pnrr legato alla promozione e diffusione di processi di semplificazione. Dei mille esperti che il governo ha previsto a livello nazionale, dieci saranno a disposizione della Toscana, per trovare soluzioni volte a ridurre i tempi di conclusione delle autorizzazioni ambientali ed energetiche andando ad individuare eventuali colli di bottiglia organizzativi, procedurali, normativi o tecnici.

L’assessora all’ambiente Monia Monni ha incontrato stamattina il gruppo di esperti, composto da otto donne e due uomini individuati sulla base di una rosa di nomi trasmessa dal Ministero per la Pubblica Amministrazione che ha effettuato la prima selezione sulla base dei curricula presentati. Due avvocati esperti in diritto ambientale, cinque ingegneri, un esperto di diritto amministrativo, un geologo, un architetto. Tutti assieme, secondo una logica organizzativa che privilegia il lavoro di squadra, avranno l’obiettivo di dettagliare e semplificare gli aspetti tecnici e amministrativi connessi ai procedimenti ambientali ed energetici e ridurre in tal modo i tempi garantendo alti standard di qualità e di valutazione.

“Non dobbiamo infatti dimenticare –  ha precisato l’assessora Monni nel corso dell’incontro – che l’obiettivo del Pnrr non è favorire una ripresa ed uno sviluppo economico indeterminati, ma creare le condizioni per uno sviluppo sostenibile attento alla tutela delle risorse ambientali. Introdurre, quindi, elementi correttivi nelle attuali procedure, sia di natura tecnica che giuridico-amministrativa, è funzionale ad assicurare che alla rapidità si accompagnino elementi di forte tutela dell’ambiente e della legalità”.

Il coordinamento organizzativo e programmatico è affidato a Carmen Iuvone, esperta di chiara fama nazionale nei temi del diritto amministrativo ambientale e delle procedure semplificative ad esso connesse. Quello tecnico-scientifico spetterà all’ingegnere Giulia Fresca che vanta un curriculum internazionale che spazia dal  campo della ricerca e della applicazione di tecnologie per le fonti rinnovabili a consulenze tecniche per la Direzione Anti-Mafia di Catanzaro. Gli aspetti gestionali saranno curati da un altro ingegnere, Maria Antonietta Ritucci, con esperienza significativa nel settore privato e nell’insegnamento. A completare la rosa altri tre ingegneri, Angela Antonucci, che si occuperà in particolare di procedimenti connessi ai rifiuti, Gioia Giansante e Luca Prosperi, che seguiranno in particolare i procedimenti di VIA e le semplificazioni per essi attivabili, gli avvocati Laura Trifilò e Gaetano Chianura, che approfondiranno gli aspetti giuridico-amministrativi, la geologa Marianna Morabito esperta di rifiuti e bonifiche, e l’architetto Stefania Salvadori che dovrà, in particolare, seguire i rapporti con la Sovrintendenza.

“L’obiettivo è ambizioso – ha concluso Monia Monni -, ma la Task Force non sarà sola, il lavoro degli esperti sarà sorretto dalla collaborazione dei dirigenti e dei funzionari che ogni giorno lavorano su questi procedimenti, la cui esperienza è altrettanto importante. Tutti assieme raggiungeremo l’obiettivo di una Toscana in cui sia più semplice e veloce ricevere un’autorizzazione  senza assolutamente ridurre in alcun modo il livello di attenzione sulla tutela dell’ambiente e delle nostre uniche e straordinarie risorse culturali e paesaggistiche”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.