Aggressioni negli uffici postali, i sindacati: “Senza green pass non si entra”

Cgil, Cisl e Uil ricordano che il certificato verde è obbligatorio da domani

Più informazioni su

“Ogni giorno assistiamo a aggressioni verbali e fisiche nei confronti dei lavoratori postali. Spesso sono le lavoratrici le più colpite. Tutto questo è inaccettabile”.

Lo dicono Marco Nocentini Slp Cisl Toscana, Graziano Benedetti Slc Cgil e Silvia Cirillo Uilposte.

Chiediamo un maggior controllo da parte delle forze dell’ordine e chiediamo all’azienda maggiori investimenti e nuove modalità di accesso a tutela delle lavoratrici e dei lavoratori. Negli ultimi mesi i tanti pensionamenti hanno ridotto gli organici in ogni ambito aziendale – proseguono Nocentini, Benedetti e Cirillo – e sul tema del personale in questi giorni si è aperta una trattativa a livello nazionale e anche a livello regionale abbiamo sollevato il problema chiedendo un incontro all’azienda. A questo si sono aggiunte sul territorio toscano centinaia di assenze legate al Covid-19 (quarantene, genitori obbligati a rimanere a casa per seguire i bambini in DAD, etc.), che hanno ovviamente avuto ripercussioni sul servizio, come del resto sta accadendo nel trasporto pubblico, negli uffici della pubblica amministrazione, in qualsiasi tipo di attività produttiva”.

“Dal 1 febbraio – concludono i tre segretari – sarà obbligatorio il green pass per accedere negli uffici di Poste Italiane, pertanto chiediamo ai cittadini sprovvisti di tale documento di evitare di provare ad entrare, anche perché in tal caso sarà richiesto l’intervento delle forze dell’ordine”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.