Quantcast

Fucecchio, preoccupazione per un palo della luce inclinato

Un cittadino: "Dopo una settimana dalla segnalazione ancora nessun intervento"

Un lampione della pubblica illuminazione inclinato tiene in apprensione i residenti in un tratto di viale Buozzi a Fucecchio. Avvertiti gli uffici comunali da una settimana, ma nessuno si è presentato a verificare la situazione. 

Gli enti territoriali, in particolare i Comuni, sia grandi che piccoli, rischiano di restare lontani dai problemi quotidiani della vita dei cittadini. Di quelle piccole cose, come la buca sulla strada, l’erba sul marciapiede o il lampione non funziona o come in questo caso che rischia di cadere.

I cittadini scrivono agli uffici, telefonano, giocano la carta Facebook spesso rivelatasi quella risolutiva. Molte volte accade che i tempi di intervento siano lunghi. E’ vero anche che i problemi, seppur di facile ed immediata soluzione da risolvere quotidianamente da un ente locale sono moltissimi rispetto a quelli di 30 o 40 anni fa, anzi il confronto non è neppure proponibile.

Forse occorrerebbe un reclutamento diverso del personale oltre che con le cooperative sociali magari assumendo decine di stagionali debitamente formati per far fronte alle varie richieste inerenti i vari problemi di vita quotidiana ai quali un ente deve rispondere ogni giorno, oppure sarebbe il caso di affidare più specifiche responsabilità e risorse ai funzionari preposti.

È giusto pensare in grande per il futuro delle città con la riqualificazione di interi quartieri, la costruzione di piste ciclabili, teatri e parcheggi sotterranei, senza però di perdere di vista quelle semplici richieste quotidiane che fanno parte della vita di una comunità.

È il caso di un lampione della pubblica illuminazione che da una settimana attende di essere messo in sicurezza per il quale è stato avvisato con una mail l’ufficio comunale competente. “La mattina di martedì 3 maggio – racconta un residente – ci siamo accorti  che il palo del lampione era stato piegato, presumibilmente da una vettura durante la manovra di ingresso o uscita dal parcheggio. Ritenendo fosse a rischio di poter cadere ci siamo attivati con una mail all’indirizzo presente sul sito del comune dal quale è arrivata subito la risposta di presa in carico della segnalazione. È passata una settimana esatta oggi (10 maggio) ma nessuno ancora è intervenuto ne per metterlo in sicurezza ne per rassicurarci sull’eventuale pericolo”. 

“Abbiamo telefonato al servizio manutenzione dove una signora molto gentile ci ha detto che a breve sarebbe intervenuto il personale dell’ente. Il palo – continua il cittadino – è ancora inclinato e temiamo che alla fine possa cadere e far male a qualcuno. Forse ci sono dei tempi tecnici a disposizione del Comune per evadere le richieste dei cittadini, che non conosciamo, ma di fronte ad un lampione inclinato che rischia di cadere forse l’incolumità pubblica dovrebbe prevalere sulla burocrazia. Sempre in viale Buozzi poco distante, all’altezza dello stadio vi è un altro lampione anch’esso inclinato da tempo”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.