Maltrattamenti in famiglia e atti persecutori: divieto di avvicinamento per un 33enne

Il provvedimento è stato eseguito dalla squadra mobile di Pisa

La squadra mobile della questura di Pisa ha eseguito nei confronti del 33enne arrestato l’altro giorno da una pattuglia delle volanti a Ghezzano la misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle persone offese, emessa dal gip del tribunale pisano.

L’uomo è indagato per i reati di maltrattamenti in famiglia, atti persecutori, violazione di domicilio e resistenza a pubblico ufficiale.

L’esecuzione della misura cautelare è avvenuta nel carcere don Bosco.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.