Infermiere spiate sotto la doccia al San Giuseppe di Empoli, solidarietà alle vittime dalla sindaca

Brenda Barnini: "Non ci sono attenuanti e le donne non tollerano più di essere sempre considerate oggetto di possesso"

Un messaggio per far arrivare la massima solidarietà alle dipendenti spiate con una telecamera negli spogliatoi dell’ospedale di Empoli. Lo ha inviato la sindaca di Empoli Brenda Barnini alla direttrice del San Giuseppe, Silvia Guarducci, e alla responsabile dell’area infermieristica e ostetricia, Loriana Meini, in seguito alla notizia dell’indagine in corso dopo il ritrovamento di una microcamera nel muro della zona doccia di uno spogliatoio femminile.

“La sindaca sottolinea – si legge in una nota – che questo gesto è da considerarsi a tutti gli effetti come violenza e che, oltre a essere sconvolta come donna che qualcuno possa aver agito in questo modo, è anche indignata come sindaca che questo avvenga nella nostra città. Prosegue quindi dicendo che i carabinieri devono assolutamente individuare i responsabili e poi la giustizia dovrà fare questa volta il suo dovere con una pena che sia esemplare. Non ci sono attenuanti e le donne non tollerano più di essere sempre considerate oggetto di possesso. La sindaca conclude con un abbraccio grande alla infermiere e ostetriche del San Giuseppe, donne di grandissima qualità, lavoratrici infaticabili e capaci di prendersi cura nel migliore dei modi delle persone”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.