Un premio per ricordare Nazzareno, folla per l’ultimo saluto foto

Il cordoglio di Cgil, OdG e Assostampa

Più informazioni su

Un fiume di persone, tra amici, colleghi e sindacalisti, ha salutato stamani (16 luglio) a Firenze Nazzareno Bisogni, storico addetto stampa della Cgil Toscana e componente del direttivo di Ast, morto giovedì scorso (qui a notizia). La salma era esposta nella sede di Cgil Toscana in via Pier Capponi a Firenze, su iniziativa del sindacato e della famiglia. Nel pomeriggio a Montone (Perugia) le esequie private. Cgil Toscana e Ast, per ricordare Nazzareno, si sono impegnate a istituire prossimamente un premio a suo nome per i giovani giornalisti attenti ai temi sociali.

“Oggi, insieme a tantissime persone, che si aggiungono alle centinaia di messaggi di cordoglio e affetto che ci sono arrivati in queste ore di dolore, abbiamo voluto salutare il nostro amico e compagno tutti insieme – le parole di Dalida Angelini, segretaria generale Cgil Toscana -. Mentre per ricordarlo siamo intenzionati a mettere in campo atti concreti a partire dall’istituzione di un premio giornalistico a lui dedicato, rivolto a quei giovani che Nazzareno ha sempre cercato di aiutare. Lui sarà per sempre nei nostri cuori, e vogliamo che di lui resti l’esempio umano e professionale anche per chi non l’ha conosciuto”.

“Il vuoto lasciato da Nazzareno Bisogni è immenso. Cercheremo di renderlo meno devastante con iniziative capaci di ricordare il suo impegno come giornalista e nel sindacato. Il 15 settembre gli dedicheremo l’assemblea Ast – il commento di Sandro Bennucci, presidente Associazione Stampa Toscana -. Consegneremo alla moglie e ai figli un piccolo segno di riconoscenza per quanto lui ha fatto con noi e per noi. E siamo orgogliosi di poter collaborare con la Cgil, grazie all’idea della segretaria generale Dalida Angelini, nell’istituzione di un premio giornalistico intitolato al collega. Perché Nazzareno è stato anche uno straordinario anello di congiunzione fra la Cgil, il più grande sindacato italiano, e il sindacato unico e unitario dei giornalisti”.

“Nazzareno ha rappresentato una guida e un esempio per tutti coloro che, negli ultimi trent’anni, si sono impegnati nel sindacato, nell’Ordine e negli altri enti di categoria – ha affermato Carlo Bartoli, presidente dell’Ordine Nazionale dei giornalisti -. Di lui ricorderemo sempre l’impegno, la passione, l’intelligenza, ma anche la grandissima umanità”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.