Fondi per la manutenzione dei boschi e la prevenzione degli incendi

Maxi stanziamento della Regione

Oltre 1 milione e 650 mila euro di risorse statali per la manutenzione dei boschi così da prevenire il rischio incendi.  Arrivano in Toscana nell’ambito della  Strategia  nazionale per  le  aree  interne  in  favore  di  interventi  finalizzati  alla prevenzione e al contrasto degli incendi boschivi e andranno destinate proprio a 38 interventi perlopiù di carattere selvicolturale  collocati nelle tre Aree interne individuate nel 2014-2022 cioè Casentino e Valtiberina,  Garfagnana-Lunigiana-Mediavalle del Serchio-Appennino Pistoiese e  Valdarno-Valdisieve-Mugello-Val Bisenzio.

Grazie ai nuovi fondi saranno così adeguate e potenziate le infrastrutture e messe in campo azioni specifiche connesse alle azioni per prevenire gli incendi.

“Una notizia che non poteva arrivare più opportuna – ha detto la vicepresidente Stefania Saccardi – mentre si stanno verificando eventi drammatici come quello che stiamo vivendo soprattutto a Massarosa, si propaga il rischio incendi e il prossimo periodo ancora di caldo e siccitoso non ci porta affatto a stare tranquilli, è opportuno più che mai concentrarsi sulla politica di prevenzione.

“La vegetazione – continua Saccardi –  ha riconquistato negli ultimi anni enormi spazi, a causa dell’abbandono del pascolo e delle coltivazioni collinari, formando vere e proprie autostrade verdi. Leggevo giorni fa i dati dell’inventario forestale nazionale che ci dicono che in Toscana  le foreste sono aumentate di  40.000 ettari. E la combinazione dell’espansione del bosco con la crisi climatica e siccità crea  una miscela esplosiva. Per questo vogliamo pianificare nel dettaglio interventi di prevenzione forestale. Sappiamo prevedere con grande accuratezza dove il fuoco passerà grazie a modelli matematici al computer così da aprire viali tagliafuoco, diradare la vegetazione, ridurre la componente arbustiva. Soprattutto, combinando la gestione forestale antincendi con la valorizzazione del territorio come il pascolo, la produzione di vini, la lavorazione del legno, potremo fare della foresta una risorsa strategica che non fa paura ma che porta salute ambientale, lavoro e crescita”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.